Aggiungi un losco a tavola

Commenta | Leggi i Commenti

Ruby, sette anni a Berlusconi. “Prostituzione e concussione, merita l’interdizione perpetua”.
(la Repubblica, 26 giugno 2013)
Sette anni a Berlusconi. La vergogna è governare insieme a lui.
(il Fatto Quotidiano, 26 giugno 2013)
Berlusconi rassicura Napolitano: “Non farò cadere il governo”.

(la Repubblica, 27 giugno 2013)
E Silvio chiede l’aiuto del Quirinale. “La neutralità non serve più con questi pm”.
(ibidem)
Inciucio. Prosegue il tour istituzionale dopo i sette anni per concussione e prostituzione.

Il condannato ricevuto al Colle. Cancellieri: “Ci vuole l’amnistia”.
(il Fatto Quotidiano, 27 giugno 2013)
B. chiede garanzie al Quirinale.
(ibidem)

Chi comprava i senatori. “Tutto ok, ha pagato B.”
(ibidem)
Senatori comprati per conto di Silvio. De Gregorio chiede di patteggiare.
“Boicottai anche rogatorie Mediaset”.

(la Repubblica, 28 giugno 2013)
L’ex senatore voltagabbana: “Verdini comprò deputati anche per la fiducia 2010”.
(il Fatto Quotidiano, 28 giugno 2013)
Pacificatevi e governate con il condannato.

(il Fatto Quotidiano, 30 giugno 2013)

Aggiungi un losco a tavola

“Presidente, ci permetta,
se salvare Enrico Letta

col suo schifo di governo
vuole dire inciucio eterno

fra il Pd ed un puttaniere
destinato alle galere

per ignobili reati
in trent’anni perpetrati,

la democrazia vaffà…
Se anziché dar l’altolà

al campion dell’intrallazzo,
Lei riceve nel Palazzo

questo ignobile figuro,
Lei ci toglie anche il futuro.

Lei che ostenta d’esser saggio
ha inquadrato il personaggio?

Ingannevole statista
dal passato piduista,

diventò ricco e potente
frequentando brutta gente,

comperandosi sentenze
e miserrime obbedienze.

Negli affari avventuroso,
dell’eroe dette a un mafioso,

fece leggi sol per sé,
anche col suo aiuto, ahimè.

Fu prescritto, fu amnistiato
e ora è pluri condannato:

per abuso nel suo ufficio
dal qual trasse beneficio

nell’agone elettorale.
Poiché fu evasor fiscale.

Ed infin qual concussore
ed utente di minore,

di Mubarak la nipote,
che impinguò con ricca dote.

Delinquente sentenziato,
oggi è a Napoli indagato

poiché par abbia corrotto
colui che, fatto fagotto

dall’Italia dei Valori,
Mortadella fece fuori:

tre milioni e De Gregorio
senator fu migratorio.

Interdetto è il Cavaliere
da ogni pubblico mestiere,

han due Corti sentenziato
e per essere cacciato

sol la Cassazione manca:
dubbio appar la faccia franca.

Perché allora, Presidente,
lo spettacolo indecente

del caimano al Quirinale?
E’ una cosa che fa male

temer che si venga a patti
con l’autore di ricatti,

veder che, dopo vent’anni
di ingiustizie, inciuci, inganni,

di promesse e di chimere,
siamo ancora in suo potere.

Presidente, al Quirinale
non inviti più quel tale,

dimostrando che a ottant’otto
c’è chi non se la fa sotto!”

blog MicroMega, 3 luglio 2013


Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

1 Pensiero.

  1. Dopo un mese abbondante di assenza
    dovuta alle difficoltà senili
    nell’affrontar da solo ogni incombenza
    derivante dagli obblighi civili
    e nel lottar per la sopravvivenza
    (sperando di non diventar scurrili)

    fra un balzello, un tributo e un’altra tassa,
    ricomincio a seguire il gran Cornaglia
    (come consiglio ai singoli e alla massa)
    dal cui acume, come da tenaglia,
    finisce, chi governa e chi … si spassa,
    (l’uno un … sacrista; l’altro una canaglia)

    stritolato, fra il nobile martello
    fuso in acciaio, l’inclita IRONIA,
    e l’incudine, eterno ritornello
    dell’alta ed infinita fantasia.
    E ce n’è molta per il Vecchierello
    che non rigetta tanta porcheria,

    anzi, ne patrocina, con inviti
    incauti quanto insulsi e, ahimè, dolosi,
    i “LOSCHI” stratagemmi suggeriti
    dagli azzeccagarbugli …. portentosi,
    i “cetrioli & company riuniti”,
    con gli esiti …. brillanti ormai famosi !

    Ha fatto bene Grillo, il saltimbanco,
    a pretendere d’essere invitato
    per poi mandare il convito … in bianco,
    quindi ad essere ben individuato
    al mare, in compagnia, non certo stanco,
    come a dirgli : “son io che ti ho schifato!”

    Ahi, vecchio Giorgio, cos’hai combinato !
    Fosti la mente lucida e brillante,
    faro del comunismo moderato,
    erede dell’Amendola, il gigante,
    (entrambi freni del proletariato
    ma ciascuno dei due ne fu garante!).

    A parte ogni ideologico giudizio,
    ma, d’obblighi formali in piena assenza,
    se tanto folle scelta fosse … sfizio
    o, peggio, gesto di benevolenza
    d’un anonimo, d’un qualsiasi …tizio,
    sarebbe “sol” l’ennesima indecenza.

    Ma siccome non credo, Presidente
    che tu sia rimbambito all’improvviso,
    più che sicuro che non conti niente
    il mio parere, sono dell’avviso
    che debba confessarti, se credente.
    E in ogni caso, …. niente Paradiso !

    Spero che sia d’accordo : a confessarlo
    pensaci tu, castigamatti Carlo !

Lascia un commento