Bibliografia

Sua Presidenza
CC000009_croppedMi piacerebbe che, sfogliando queste pagine, molti depressi ricominciassero a giocare come me e, rifacendo lo stesso percorso, riacquistassero una buona capacità di indignazione ed una ferma volontà di reazione. Facciamo in modo che alla prossima puntata si combatta, uniti, in nome degliideali e non dei piccoli mercati. E se perderemo di nuovo, pazienza. Almeno non dovremo vergognarci.

 
 

Qui finisce l’avventura
CC000005_croppedLa berlusconite però è sempre in agguato. Così, a scopo preventivo, l’ingegnere torna in libreria con questo nuovo poema sulle ultime gesta del suo eroe prediletto. Ora naturalmente qualcuno salterà su a dire, tutto serioso, col ditino alzato, che non bisogna ridere di Berlusconi: perchè bisogna dialogarci, o perchè è una figura tragica. Sono dieci anni che i suoi avversari lo combattono col dialogo e con la faccia seria. E infatti pèrdono.

 

Novanta personaggi in cerca di pudore
Novanta personaggi in cerca di pudore COPERTINAQuesto libro giunge in libreria alla vigilia di una delle più difficili e tormentate campagne elettorali della nostra Repubblica. Prima del fatidico giorno dell’apertura delle urne, sono fermamente convinto che ne vedremo ancora di tutti i colori, come d’altra parte la storia di questi ultimi cinque anni può testimoniare. Portare anche un solo secchio d’acqua al mulino della parte sbagliata – mi sono detto – sarebbe imperdonabile. (..)

 

Grande gioco dell’oca della politica italiana
CC000001_croppedOra siamo alla quarta, ma con un bel salto di qualità. “Il Grande Gioco dell’Oca della politica italiana” è anche un passatempo di società, una specie di gioco dell’oca da fare in compagnia degli amici per ripassare le più recenti tragicommedie d’Italia, casomai ce ne fosse sfuggita qualcuna. Si parte dalle ultime Berluscomiche per proseguire col primo anno di Prodicomiche e chiudere in bellezza con le prime avvisaglie di un fenomeno curioso e originale, destinato a rivoluzionare, se non il mondo della politica, almeno quello del cabaret: il Partito Democratico, o Teodemocratico come lo chiama l’ingegner poeta. (..)

 

Berlusconeide
Berlusconeide
Berlusconeide è un poema comico, tragico, “cavalieresco” che, in forma di satira amara e spesso indignata, racconta la vita e le gesta del più grande eroe di tutti i tempi: Silvio Berlusconi. La narrazione epica parte dalla nascita nella sua Milano nel 1936 e arriva fino ai giorni nostri, per concludersi in un futuribile e apocalittico 2013, anno della tanto agognata scalata alla Presidenza della Repubblica.

 
 

Oca Pro Nobis
ocapronobis
Quest’operetta semiseria, che mescola satira, critica e sberleffo presenta alternate in modo del tutto casuale, come le caselle sul tabellone del gioco dell’oca, 63 fra poesie satiriche, schede di critica della dottrina cattolica, canzoni dissacranti, tavole in cui un’oca giuliva sogna una chiesa che non c’è. E oche, tantissime oche, irreverenti, ironiche, tenere, graffianti a corredo di ogni testo. Alla fine di ognuno, una quartina rimanda a un altro testo, facendo da filo conduttore per chi non voglia leggere il libro di seguito ma procedere a balzi, salti, andirivieni come appunto in un gioco. Alle canzoni sono associati un qr code e un link, che ne permettono l’ascolto sul sito collegato a questo libro: www.ocapronobis.altervista.org, in base alle istruzioni riportate a fondo pagina di ogni canzone.

 

La Renziana Commedia
LaRenzianaCommedia_copertina definitiva
E’ una biografia in rima di Matteo Renzi. Il lettore viene condotto alla scoperta della vita del protagonista in ottonari a rima baciata, una specie di inferno per chi crede ancora nella nobiltà della politica. Il viaggio parte dalla nascita a Rignano sull’Arno e arriva fino ai giorni nostri e ad una futuribile conclusione liberatoria. Non manca nessuna delle imprese di Matteo “il Bomba”, come lo chiamavano i compagni di scuola, per la sua tendenza all’esagerazione e alla sistematica bugia.
C’è tutto Renzi, dalla vita in famiglia alla scuola, dalla partenza come portaborse alla grande politica, dalle promesse ai falsi miracoli. Una satira trascinante e amara che sovente si trasforma in indignazione per le “doti” di un personaggio che, dai tempi della scuola, recita la stessa parte in commedia con abilità, arroganza e grande spregiudicatezza.