Canto VII

Sogni di boria

I

La moglie Carla Elvira ha partorito
la bimba Maria Elvira, poi Marina,
e il babbo tocca il cielo con un dito
nel guardar nella culla la delfina.

Con la moglie e la figlia all’ospedale
Berlusconi sta in casa rilassato
e dopo il seral pasto, assai frugale,
a riposare molto presto è andato

e sogna del futuro i suoi prodigi:
sogna Eleonora, Barbara, Marina,
sogna Pier Silvio e il piccolo Luigi,
sogna prima e seconda mogliettina,

sogna le ville che dovunque avrà,
sogna Fede e le tre televisioni,
sogna i cactus e la celebrità,
la Mediolanum sogna Berlusconi,

sogna quattrin, conflitti d’interessi,
sogna infiniti giochi societari,
sogna piemme, giudici, processi,
sogna Mangano e Gelli suoi compari,

sogna grandi montagne di monnezza,
sogna d’aver una ramazza in mano,
sogna soldati per la sicurezza,
sogna la sedia di Napolitano.

II

Sogna di risanare l’Alitalia,
sogna che il Milan vince lo scudetto,
sogna Mara Carfagna che lo ammalia,
sogna d’avere Yaspica nel letto,

sogna le cene ad Arcore con Bossi,
sogna Di Pietro che lo fa incazzare,
sogna Veltroni che fa fuori i rossi,
sogna D’Alema che vuole inciuciare,

sogna le rogatorie boicottate,
sogna avvocati, lodi, prescrizioni,
sogna le holding ben dissimulate,
sogna tante vittorie alle elezioni,

sogan di far la guerra ai talebani,
sogna di far le corna un giorno in Spagna,
sogna di fare fessi gli italiani,
sogna di far ministra la Carfagna,

sogna l’esule Craxi in Tunisia,
sogna l’inchino a Papa Benedetto,
sogna romeni da cacciare via,
sogna di fare il Ponte sullo Stretto,

sogna Noemi che lo chiama Papi,
sogna un G8 con il terremoto
e il brivido di tutti i grandi capi,
sogna d’essere di San Pio devoto,

sogna Apicella con la sua chitarra,
sogna Obama Barack bello abbronzato,
sogna una dacia dove s’intabarra,
sogna Putin amico della Nato,

Berlusconeiea 126

sogna Camp David e la Casa Bianca,
sogna Gheddafi, Bush e Tony Blair,
sogna il processo breve, la palanca,
l’immunità, le donne ed il poter.

E’ ormai mattina, la sveglietta trilla,
il Cavaliere afferra l’agendina,
annota il sogno con l’occhio che brilla
e corre all’ospedale da Marina.

Lascia un commento