Il mimetico domato

Commenta | Leggi i Commenti

La battuta d’arresto di Renzi. Al Pd 5 regioni, 2 al centro destra, ma la Liguria passa a Forza Italia.
(la Repubblica, 1 giugno 2015)
L’ira del premier sulle minoranze interne: sono riusciti a resuscitare il Cavaliere e Grillo.
(ibidem)
Alle urne solo un italiano su due.
(ibidem)
Liguria. Toti batte la Paita, avanzano i 5 Stelle, caos tra i democratici.
(ibidem)
Grillini oltre il 20%, riparte la corsa.
(ibidem)
Due milioni in fuga da Renzi. Aveva più voti il Pd di Bersani.
(il Fatto Quotidiano, 2 giugno 2015)
Tanti saluti al 40,8%. Si torna in “zona Ditta”.
(ibidem)
Renzi scappa in Afghanistan.
(ibidem)
La terribile notte di Ladylike e Ladyliguria.
(ibidem)
Euforia 5 stelle: “Pronti a governare, no a inciuci!”
(ibidem)

Il mimetico domato

Al sentire i renziani fu un trionfo
e il cinque a due un grande risultato,
ma in verità è stato un duro tonfo
che di fatto il Pd ha terremotato.

Manifestando astuta nonchalance
giocando alla playstation con Orfini,
il premier col profumo di Arrogance
seguiva i numeri degli scrutini,

ma appena conosciuti i risultati
in mimetica per l’Afghanistan
partì, non per la gioia dei soldati,
ma per sfuggire a tutti i quotidian.

Ha conquistato la Campania, è vero,
ma con la Paita ha perso la Liguria
e contro Pastorino il tosco fiero
che sbagliò a candidarla ora s’infuria.

E’ vero, fu il trionfo di Emiliano
che in Puglia ha vinto contro tre nanetti
l’un contro gli altri messi dal caimano,
ma in Veneto è gran flop della Moretti.

Nonostante lo show delle pulzelle
che per voler del guitto fiorentino
si sono offerte in stile Pdl
con un sorriso penta sbarazzino.

Serracchiani, Madìa, Boschi, Pinotti,
il bel quartetto delle sorridenti
che per accalappiare i sempliciotti
corse in aiuto delle concorrenti,

Moretti in Veneto, Paita in Liguria,
divenne, grazie al crollo della diga,
non segno di politica goduria,
ma simbolo feral di porta sfiga.

E’ vero che in Toscana, Umbria e Marche,
grazie al soffio gentil dell’aliseo,
hanno prevalso del Pd le barche,
ma sui lidi del mar partenopeo

si affaccia quel De Luca birichino
che, grazie ai precedenti alle sue spalle
ed alla legge della Severino,
dovrà subito andar fuor dalle balle.

Il quarantun per cento alle Europee
ora sembra un ricordo assai lontano,
altri tempi, altre storie, altre epopee,
mentre oggidì il fanfaron toscano

ha ottenuto in total nelle regioni
del venticinque sol la percentuale,
diventando peggiore di Veltroni
e di Bersani al voto nazionale.

Visto che si è astenuta mezza Italia,
lo splendido partito di Matteo
su otto italiani uno sol ne ammalia,
mentre sette gli fanno marameo.

Di questa situazione farsi belli
sembrerebbe eccessivo, ma il compare
con l’aiuto di tutti i colonnelli
i troppi creduloni vuol plagiare.

Ma c’è un altro problema e non da poco:
del voto regionale alle elezioni
i cinque stelle son secondi al gioco
che taglia fuor Salvini e Berlusconi.

In caso di futuro ballottaggio
i grillini con stuoli di incazzati,
di gufi, di delusi all’arrembaggio,
di compagni d’antan, di sindacati,

di masochisti snob e di astenuti
potrebbero travolgere il Pd,
ponendo fine ai fasti linguacciuti
di una meteora: la Gherenzimì.

blog MicroMega, 3 giugno 2015

Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: