# lasvoltabuona

Commenta | Leggi i Commenti

Anche la Sicilia punisce il Pd.
(la Repubblica, 16 giugno 2015)
Il tallone di Matteo, a un anno dal 40% cade il mito dell’invincibilità.
(ibidem)
Tutti contro Renzi.
(il Fatto Quotidiano, 16 giugno 2015)
Vince l’anti renzismo, il Pd si restringe ancora.
(ibidem)
Cade Crisafulli, Enna smacchia il gattopardo.
(ibidem)
Il candidato renziano sconfigge Casson, vince il sistema Venezia.
(ibidem)
Arezzo, città rossa ma non troppo. Cade il feudo boschian-fanfaniano.
(ibidem)

# lasvoltabuona

A un anno dal trionfo alle europee
con il famoso quarantun per cento,
il produttor di tante panacee
contro ogni mal di un mondo da spavento

sembra aver perso quel magico tocco
grazie al qual ogni ingenuo sognatore
aveva fatto d’un messia tarocco
della povera Italia il Salvatore.

Dopo il Jobs Act con guerra ai sindacati,
dopo gli exploit di Mafia Capitale,
dopo i mille bla bla sugli immigrati,
dopo la nuova legge elettorale,

dopo la cosiddetta buonascuola,
dopo l’assalto alla Costituzione
con il nuovo Senato ove s’arruola
la feccia ignobile d’ogni regione,

è arrivato il momento di un controllo:
è Renzi il Salvator miracoloso
nel qual speravano le ingenue folle
od è soltanto un giovane altezzoso,

un fanfarone alla ribollita,
un Pinocchio che nato a Pontassieve
ci racconta menzogne e da una vita
va a caccia di qualcun che se le beve?

Il voto sembra aver parlato chiaro:
non è l’antidoto per tempi bui,
anche se afferma il giovane cazzaro
che a perder le elezioni non fu lui.

Ha perso in mille modi differenti,
sia con i candidati più diversi
che contro i più svariati concorrenti,
ma lui fu l’obiettivo dei perversi.

Ha perso nella Arezzo della Boschi,
candidato un Matteo super renziano,
ultra cattolico, tosco fra i toschi,
battuto da un missin-berlusconiano.

Ha perduto a Venezia con Casson
dell’odiata sinistra candidato
e c’è chi dice, forse con ragion,
che sia stato il Pd che l’ha fregato.

Ha perso la Liguria con la Paita,
l’erede di Burlando, il vecchio ras,
ma fu il rottamator che tanto sbraita
a suicidarsi col tubo del gas.

Con Vladimiro Crisafulli ha perso:
dove Mirello non ha perso mai,
ad Enna, mondo siculo perverso
spesso per il Pd fonte di guai.

Ha perso nella Gela di Crocetta
col candidato Angelo Fasulo
e per far più feroce la disdetta
è stato un cinque stelle a fargli il culo.

Ha perso al Sud, al Centro, al Settentrione,
contro le destre, contro i cinque stelle,
dov’era la vittoria tradizione
e riuscivan col buco le ciambelle.

Dopo un anno di Renzi contro tutti
e di molti nemici molto onore,
saremo degli infami farabutti,
ma alla speranza ci s’allarga il cuore.

blog MicroMega, 17 giugno 2015

Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: