Democrista nullità

Commenta | Leggi i Commenti

Letta style, la sottile arte del governo provvisorio.
(il Fatto Quotidiano, 7 luglio 2013)

Democrista nullità

Il premier Letta ha lo stile
del perfetto baciapile

tartufesco e farisaico,
di chi vuol passar per laico

mentre è un vero democristo:
“Mi destreggio, quindi esisto…”.

Andreottiana è la sua scuola,
vivacchiare è la parola

che giammai gli viene a noia,
pur di non tirar le cuoia.

L’uom che vive al Quirinale
chiamò Letta al capezzale

di una pressoché stecchita
Nazion da tenere in vita

con cristiano accanimento:
fleboclisi, nutrimento

del paziente col sondino,
preci, ossigeno e un santino.

Come un grande luminare
Letta ha preso a lavorare

circondato dal fior fior
di infermieri e di dottor,

bravi come macellai
ed in lite come mai.

Con la cura palliativa
che non fa tornare viva

la Nazione quasi morta,
il dottore tutti esorta

ad aver tanta fiducia
in chi coi banditi inciucia,

anche quello più nefando.
Se qualcuno chiede quando

la paziente sarà salva
il dottore, testa calva,

ogni giorno fa promesse,
per lo più sempre le stesse,

per rimetter tutto in sesto:
“Farò quello, farò questo!”

Poi, però, non lo fa mai
e ogni dì crescono i guai.

Tranquillizza i creditori,
piange sui lavoratori

senza soldi a metà mese,
finge di aiutar le imprese,

gli esodati ed i precari,
ma dà i soldi ai militari

perché si comprino i caccia.
Alla Ue spesso si affaccia

richiedendo questo e quello,
ma gli dicono: “Pivello,

di quattrini non ce n’è
e ciascun pensi per sé”.

Disfa quel che ha fatto Monti
e per dir: “Partiamo, pronti!”

l’ok vuole di Brunetta.
Questo sacrestan fighetta

ogni giorno si ripete,
biascicando come un prete

che farfuglia il suo rosario:
“Fare quello è necessario,

è essenziale fare questo
per por fine al gran dissesto

e se spunta qualche veto,
farò subito un decreto!”

In realtà poi va in vacanza
e la fine lesta avanza

per il povero Paese.
Per il cul non lui ci prese,

ma chi sta sull’alto Colle
il qual come premier volle,

con perfidia comunista,
questa larva democrista.

8 agosto 2013


Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

1 Pensiero.

  1. E’ un trattato di storia moderna
    quella che oggidì ci squaderna
    il maestro Cornaglia don Carlo
    che più leggo e più voglio farlo !

    Come possa però non comprendo,
    me lo chiedo ogni giorno leggendo,
    inventarne di sempre più belle
    quante in cielo si contano stelle !

    E son sempre centrate … sul pezzo
    sia che urli il suo fiero disprezzo,
    sia se, ironico e fine poeta,
    con metafore dolci ci allieta.

    Scorre il verso ed è melodia
    l’ottonario che ti porta via;
    rotolando si lascia cantare
    e diventa piacevol … pensare

    riflettendo su ciò che d’intorno
    ci avvelena la vita ogni giorno.
    E perciò ne consiglio una dose
    per comprendere meglio le cose

    che riguardano noi cittadini,
    spesso “sudditi” e pure cretini !
    C’è da dir che, negli ultimi tempi
    di piazzisti, di zoccole e scempi

    la …”materia” è stata abbondante
    e che adesso che il lestofante,
    già privato anche del passaporto,
    e, politicamente, già morto,

    sbuffa a stento, i suoi cortigiani
    angosciati dal proprio domani,
    osannandolo parlan … di amore,
    mentre in me si scatena il furore

    in don Carlo s’accendon faville
    e le rime gli sgorgano a mille
    e irrorando le fertili zolle
    che si partono proprio dal Colle,

    ne sanzionano tutte le mosse,
    le manovre, i sussulti, le scosse
    (veramente piuttosto leggere)
    con le quali si fa prevalere

    l’interesse, -difeso coi denti
    velenosi dei tanti serpenti
    che sorreggono il fradicio …”arnese”-
    di se stessi e non del Paese !

    Nonostante il Maestro insista,
    il vegliardo mai fu “comunista” !
    Democratico, riformatore,
    gentiluomo, ma non … lottatore !

    Dirigente di un grande apparato,
    uomo d’ordine, uomo di Stato
    e, perciò, molto incline al piacere
    dell’inciucio, … restando al potere !

    Nessun dubbio giammai mi ha sfiorato,
    per esempio, che avrebbe … aiutato (?!)
    il Bersani sul crine scosceso
    donde poi ruzzolò vilipeso !

    Uomo grigio, un equilibrista !
    Niente altro che un “riformista”
    e ti basta soltanto uno sguardo
    per capire che è … un gattopardo !

    Quello che non aveva previsto :
    Beppe Grillo ! Non s’era mai visto
    che un tal guitto, un bravo buffone
    (dopo il mago, il vil …Capellone)

    riscuotesse sì tanto consenso
    senza avere bruciato l’incenso
    sugli altari ove nasce … il POTERE
    e LA FRODE è il PRIMARIO PIACERE !

    Grazie, Carlo, ancora una volta :
    quando par che nessuno ti ascolta
    ma c’è rabbia social, pure incolta,
    nasce allor la civile rivolta !

    Certamente non è l’ambizione
    di moderna e civile Nazione !
    Ma se un popolo è tanto beota
    che a milioni ancora “LO” vota,

    si tramuta in dovere civile
    isolar ladri e baciapile
    e lottare, in ogni maniera,
    per la … GIUSTA E SANCITA GA-LE-RA !

Lascia un commento