I concerti del Quirinale: bla-bla, bla-bla

Commenta | Leggi i Commenti

AMARCORD

In attesa del saluto di fine anno di Re Giorgio I, vale la pena ritornare a quello di un anno fa quando, se non altro, c’era la quasi certezza che fosse l’ultimo. Ma non è stato così e ci risiamo, maledetto 2013!

L’Agenda di Napolitano per il 2013. “La vera emergenza è quella sociale”.
(la Repubblica, 2 gennaio 2013)
Ultimo avviso al governo tecnico. Nel discorso di fine anno Napolitano chiarisce i poteri del premier dimissionario e chiede la tutela delle classi deboli.

(il Fatto Quotidiano, 2 gennaio 2013)

I concerti del Quirinale: bla-bla, bla-bla

E’ la settima occasione
in cui, prima del cenone,

qualche masochista insano
vuol sentir Napolitano.

Ogni volta con l’auspicio
che il pesante sacrificio

sul domani faccia luce.
Buio! L’uom che ci conduce

non andò mai al di là
di un retorico bla-bla.

Per sei anni indifferente,
per non dire connivente,

alle azion di un farabutto
al qual sempre firmò tutto,

dal legal impedimento
a quel lodo fraudolento,

si è da un anno superato.
Dall’Europa trascinato,

del caiman punì le colpe:
con un furbo mini golpe

ci sottrasse le elezioni
e con l’uom della Bocconi

ci promise là per là
rigor, crescita e equità.

Il rigor, cieco e assoluto,
sol sui poveri è piovuto,

l’equità fu un’illusione
e la crescita un bidone.

E ora scopre il Presidente
che in Italia molta gente

non arriva a fine mese.
E ora scopre il vecchio arnese

che c’è una question sociale,
alla gioventù va male,

la cultura è quasi morta
e cervel l’Italia esporta.

“Presidente, siam sicuri
che andrà meglio se gli auguri

fa a Mancino, il suo compare.
Senza farsi intercettare…”.

blog MicroMega, 4 gennaio 2012

l’Universale, 31 dicembre 2013


Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento