Laide intese

Commenta | Leggi i Commenti

L’appello di Napolitano: “Rispettare le toghe. Ora riforma della giustizia”.
“Serenità e coesione per uscire dalla crisi”.
(la Repubblica, 2 agosto 2013)
“Rispettare il verdetto e riformare la giustizia”
(il Fatto Quotidiano, 2 agosto 2013)

Berlusconi: la grazia o si va al voto.
(la Repubblica, 3 agosto 2013)
Il delinquente ricatta il Colle per avere la grazia.
(il Fatto Quotidiano, 3 agosto 2013)

Quel contentino che irrita i giudici.
(ibidem)

Laide intese

Presidente, è soddisfatto

dell’ennesimo ricatto
del ben noto malfattore?
Giorgio Re, non fu un errore

affiancare a Enrico Letta,

di per sé già una macchietta,
i ministri di un partito
comandato da un bandito,

forse allor non ufficiale

ma, secondo un tribunale,
già acclarato delinquente?
Eccellenza, non si pente

di un governo a laide intese

fatto con quel bell’arnese
già prescritto, già indagato,
già imputato e condannato

a quel tempo in primo grado?

Già in passato l’Eldorado
fece al tipo balenare,
accettando di firmare

le più infami scappatoie

dalle sue legali noie:
lodo, leggi personali
anticostituzionali

e legali impedimenti.

Giorgio Re, dei delinquenti
era meglio diffidare.
Sembran santi sull’altare,

collaborativi, aperti

quando voglion compiacerti.
Ma poi fan come i mafiosi
e diventan minacciosi

quando in cambio non han niente.

Ci permetta, Presidente,
ma la pacificazione
con un noto mascalzone

gratis non la si può avere

e si è illuso il Cavaliere
che chi sta sul Quirinale
possa dire a un tribunale

di azzerar qualche processo.

Non che lei l’abbia promesso,
chi lo pensa va curato!,
ma il bandito ci ha sperato…

E poi, dopo la sentenza,

una minima prudenza
era meglio dimostrare.
Fu un errore dichiarare,

con accidental malizia,

che i problem delle giustizia
van discussi quanto prima
e che fu garbato il clima.

Meno di ventiquattro ore

e ha tuonato il malfattore:
“O la grazia o le elezioni!”
Presidente, ci ragioni:

al disastro d’oggidì

molto lei contribuì
dirigendoli a bacchetta,
perciò è ben che si dimetta.

3 agosto 2013


Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento