Diversamente sano di mente

3 aprile 2011

Il noto specialista in emergenze,
reduce dai successi fantasiosi
che gli han concesso le benemerenze
riservate ai santon miracolosi,

atterra finalmente a Lampedusa
invasa da seimila poveretti
lasciati, come fra i padani s’usa,
senza giacigli, cibo e gabinetti.

Come a L’Aquila e a Napoli è successo
per i problem di sisma e d’immondizia,
il fanfarone ha subito promesso
agli isolan di fole una dovizia:

“In sol sessanta ore gli immigrati
saranno tutti fuori dalle balle,
poi puliremo tutto coi soldati.
Infin trasformeremo in verde valle

quest’isola pietrosa e esposta al vento
che un vero paradiso diverrà
con il mio piano di rimboschimento.
e la casa che ho comperato qua.

Non avrete più tasse da pagare
e poiché di prodigi son capace,
grazie alle vostre qualità preclare,
avrete il premio Nobel per la Pace”.

Prima della riforma di Basaglia
sarebbe sopraggiunta un’ambulanza
per portar la simpatica canaglia
d’un manicomio in una grigia stanza.

Grazie a Basaglia non ci sono più
i manicomi, luoghi infami e grigi.
Chi straparla, fa corna e fa cucù
adesso fa il premier a Palazzo Chigi.

Lascia un commento