La rivolta dei faraoni

6 febbraio 2011

Mentre Mubarak è sotto pressione,
agli Esteri il ministro cosiddetto
fa alla Mendola slalom da campione
e grida a Roma che quell’alloggetto

è certa proprietà del vil cognato.
L’Egitto ha cancellato dall’agenda.
Ma un cronista curioso che ha indagato
ha scoperto una cosa proprio orrenda:

è sol per colpa sua Cairo in rivolta.
Quando il boss vide Ruby, grazie a Fede,
la sua mente ne fu così sconvolta
che a Frattini un brutal ordine diede:

“Son stufo d’aver Bondi per amore,
di Hosni la nipote fammi avere
e convinci l’anziano dittatore
che alla Cultura Bondi timoniere

per piramidi e Sfinge è il toccasana”.
Grazie a Franco lo scambio andò a buon fine:
al Cavalier la giovane egiziana
e all’Egitto montagne di rovine.

Tutte le tombe a Luxor son crollate,
la Sfinge se n’è andata in tutta fretta,
le piramidi sono sprofondate
e alle mummie è venuta la caghetta.

Il Nilo si è asciugato all’improvviso,
è crollata la mega diga a Assuan
e il popolo è in rivolta ben deciso
a cacciar dall’Egitto l’italian.

Sul capo dell’anziano dittatore
si vanno accumulando nere nubi,
mentre ad Arcore l’Unto del Signore
fa il bunga bunga con Karima Ruby.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Top