Legge ad mandrillum

13 marzo 2011

Una gara si è aperta al Pdl
per salvar l’imputato Berlusconi
dall’aver fatto troppe marachelle,
col rischio di finir nelle prigioni.

Ghedini è una fucina permanente
che forgia leggi fatte sol per lui,
ma per ora non ha ottenuto niente
e s’avvicinan giorni molto bui.

Blocca processi: abortita in fretta.
Processo breve e legge bavaglio:
il capo dello Stato non li accetta.
Lodo Alfano: finito allo sbaraglio.

Legal impedimento: spappolato
da una Consulta troppo comunista.
Ghedini dai lacché viene incolpato
poiché di flop è ormai lunga la lista.

Nel vedere che mentre il tempo passa
aumentano i processi del premier,
dei parassiti l’affamata massa
vede la fine della pacchia, ahimé!

E allora ciascun servo studia leggi,
articoli, cavilli, emendamenti,
inghippi, codicilli ed altri aggeggi
perché la legge Silvio non addenti.

Chi in passato fu già azzeccagarbugli
giocando con età, incensuratezza,
attenuanti, aggravanti ed altri intrugli
salta fuori con l’ultima schifezza.

Ma per salvare il mago delle alcove
basterebbe un articol che suona:
“Chi è nato di settembre il ventinove
è innocente se ha l’hobby della mona!”

Lascia un commento