Saggi, parola grossa

Commenta | Leggi i Commenti

Napolitano: resto fino all’ultimo giorno.
Nomina dieci saggi per risolvere la crisi e rassicura l’Europa: un governo c’è e lavora.
(la Repubblica, 31 marzo 2013)
Donne assenti, protestano anche Camusso e Pisapia.
(ibidem)

Napolitano non si dimette e s’inventa dieci “saggi”.
(il Fatto Quotidiano, 31 marzo 2013)
Non è un paese per donne, neppure per giovani.
(ibidem)

Napolitano stoppa le polemiche. “Basta sospetti e reazioni sconcertanti, i saggi al lavoro per 8-10 giorni”. “Non intralceranno i partiti”. E si scusa con le donne.
(la Repubblica, 3 aprile 2013)
“I saggi una perdita di tempo”. Gaffe di Onida, poi le scuse. Ma il Pdl attacca: si dimetta.
(la Repubblica, 5 aprile 2013)

IL saggio Onida disse: “Il nostro lavoro è intile”. Il giurista vittima di uno scherzo di Radio 24. “Copriamo un periodo di stallo”. Il Colle frena le sue dimissioni.
(il Fatto Quotidiano, 5 aprile 2013)

Saggi, parola grossa

Nonno Giorgio ha riflettuto

ed ha emesso un altro acuto:
“Dopo Monti è ben che ingaggi
non sol un ma dieci saggi

e l’Italia sarà indenne”.

Ma la scelta mal gli venne,
dieci saggi nominò
e le donne si scordò,

grande sdegno suscitando

ed i “Se non ora, quando?”
Ma poi scandalo, perché?
Primo, lui saggio non è

e pertanto può sbagliare.

Poi, chi provi ad osservare
quelli che per lui son saggi
trova certi personaggi

che son tutto men che savi.

Da Giorgetti che ricavi?
E da Bubbico, da Mauro,
da Violante, un brontosauro

che dai tempi di Noè

del caimano fa il lacchè,
ne difende gli interessi,
ne scomunica i processi,

è con Mediaset fraterno,

motor d’un inciucio eterno?
Di saggezza è forse un faro
Quagliariello che ad Englaro

urlò che era un assassino

e sostenne, birichino,
con motivazion devote
che era Ruby la nipote

di Mubarak, l’egiziano?

Ed infin Napolitano
in quei complicati dì
scelse i saggi un po’ così,

perché aveva un altro scopo:

arrivar comunque al dopo
distraendo gli elettori.
Di saggezza nei lavori

dei team dei quaraquaquà

non c’è, ahimè, necessità.
Ce l’ha confermato Onida,
un po’ Presidenticida:

“Non serviamo proprio a un cazzo.

Stiamo qui, in questo palazzo
per riempire un intervallo,
poi sul Colle un nuovo gallo

finalmente canterà

e qualcosa cambierà!”
L’universo femminile
perciò a Giorgio non sia ostile

per la sua risoluzione.

Anche l’ultimo coglione
sa che val mezza Spinelli
o metà De Monticelli

un milione di Violante.

Sa anche l’ultimo ignorante
che un milion di Quagliariello
della Hack fanno un capello.

blog MicroMega, 6 aprile 2013


Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento