Scacco al Re

Commenta | Leggi i Commenti

AMARCORD
In questi giorni, con la decadenza di Berlusconi, sta felicemente tramontando la brillante idea di modificare molti articoli della seconda parte della Costituzione con la procedura accelerata e anticostituzionale, visto che violenta l’articolo 138, condivisa dal Presidente della Repubblica. Che fosse una via di mezzo fra un bluff e un’illusione presidenziale e lettiana è stato chiaro da subito, tanto è vero che la misera fine è stata prevista anche con la poesia dell’AMARCORD di oggi, pubblicata su MicroMega sin dal 14 giugno scorso.

Bossi: niente federalismo fiscale. In arrivo il progetto dei “saggi”.
Cadore, si conclude lo stage della Cdl sulle riforme: intesa su Senato, Consulta e poteri del premier.
(la Repubblica, 23 agosto 2003)

La carica di 35 saggi, amici di B e Napolitano.
(il Fatto Quotidiano, 6 giugno 2013)
Partono i saggi, il governo chiede l’ “urgenza”. Quagliariello: 4 mesi tempo-limite.
(la Repubblica, 13 giugno 2013)

Golpetto al Senato, più facile cambiare la Costituzione.
(il Fatto Quotidiano, 14 giugno 2013)

Scacco al Re

Cambiar la Costituzione?

Abbiam già una collezione
di mostruosi fallimenti
di statisti sedicenti.

Con la sua Bicamerale,

un disastro senza eguale,
ricordiam Baffo D’Alema,
colui che trovò il sistema

di far del Berlusca morto

un caiman sveglio e risorto.
Con le bozze di Boato,
consigliere sciagurato

sui problem della Giustizia,

apprestò per Sua Immondizia
la proposta più indecente,
un aiuto al delinquente

di già con la tremarella

di finire in una cella.
Berlusconi, sospettoso
pur d’un Baffo generoso,

sul più bello disse: “No,

al governo tornerò
e farò di meglio assai
con i lodi scaccia guai!”

Dopo un lustro, nuova prova

per la qual Mister Alcova
dette il compito ai leghisti:
“Da padan secessionisti,

siete gli individui adatti

al più infame dei misfatti:
far della Costituzione
una turpe revisione

che permetta ai ciarlatani

di asservire gli italiani”.
Ed ai saggi dette il via,
a Pastore ed a Nania,

a D’Onofrio e a Calderoli,

un quartetto di mariuoli
che, saliti nel Cadore,
lavorando poche ore

nel paesin di Lorenzago,

fra un dibattito e lo svago
di una sana passeggiata,
fra una grappa e una grigliata,

fra un po’ di Valpolicella

e una breve pennichella,
fra polenta e Cabernet,
tutto han fatto meno che

studiar bene le riforme.

Così giuste eran le norme
nate dallo sforzo immane,
che finì tutto a puttane,

con un voto popolare

che mandò i saggi a cagare.
Ora al Capo dello Stato
questo ticchio è ritornato

e al governo a larghe intese

ha affidato il Vecchio Arnese
la più nobile missione:
cambiar la Costituzione.

Azion proprio necessaria

per chi vive d’acqua e d’aria
come quotidian ristoro,
senza sghei, senza lavoro.

Quattro saggi a Lorenzago?

Letta, che in riforme è un mago,
trentacinque se n’è presi
che dovranno in quattro mesi

fornir ai parlamentari

gli eruditi ricettari
per modificar la Carta.
Sono già partiti in quarta,

visitando il Re a Palazzo,

ma non cambieranno un cazzo,
come Baffo ed i padani.
Faran festa gli italiani,

poiché la Costituzione

che fa onore alla Nazione
resterà così com’è.
E a Napòlitano: “Tié!”

blog MicroMega, 14 giugno 2013


Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento