Tavecchio. il bomber della Brianza

Tutti a casa. Passa la Svezia. Bancarotta dell’Italia: 90 minuti inutili (0-0) e l’addio ai mondiali.
(il Fatto Quotidiano, 14 novembre 2017)
Tavecchio, l’ultimo dc che non sa pronunciare la parola dimissioni.
(la Repubblica, 15 novembre 2017)
Tavecchio non molla la Figc e Ventura si aggrappa ai soldi.
(il Fatto Quotidiano, 15 novembre 2017)
Tavecchio, calcio alla testa di Ventura per salvarsi il posto.
(il Fatto Quotidiano, 16 novembre 2017)
Tavecchio paga per tutti e delira. Malagò vuole prendersi il calcio.
(il Fatto Quotidiano, 21 novembre 2017)

Tavecchio, il bomber della Brianza

Svezia, la frittata è fatta.
Niente Russia, che disfatta!
Tutto il merito a Tavecchio
della mala Italia specchio

e del calcio condottiero
che, aiutato da Gian Zero,
l’ineffabile Ventura,
ha causato la sciagura

dell’Italia del pallone
fuor della mondial tenzone.
Con Tavecchio come faro
il disastro pallonaro

era scritto nel destino.
Ha un curriculum meschino
come azion, come cultura,
come stil, come misura,

come buon comportamento,
come gestional talento.
Democristo, uom di panza,
pluri sindaco in Brianza,

Ponte Lambro nel comasco,
in moral piuttosto lasco
con molteplici condanne,
in trent’anni cinque a spanne,

per un anno e qualche mese
di galera in più riprese,
per reati senza acuti:
omission di contributi,

solita evasion fiscale,
falsità, danno ambientale.
Scrisse “Ti racconto,,,il calcio”
e in un amen, senza intralcio,

del pallon da capofila
ne ha piazzate ventimila
copie alla Federazione
con un marketing cialtrone.

Disse con razzismo immane:
“Chi mangiava le banane,
come i tanti Optì Pobà,
a giocare viene qua,

titolare nella Lazio.
E accettiamo questo strazio!”
Qui nessun gli ha dato peso,
Uefa e Fifa l’han sospeso.

Sulle donne altre cazzate:
“Toh non sono handicappate
come in verità credetti,
ma son simili ai maschietti.

Nello sport son come loro,
non atlete da disdoro!”
Altri ancora i suoi cammei:
“Io non son contro gli ebrei,

però è ben tenerli a bada…”.
Ed ancor: “Dalla mia strada
stian lontan gli omosessuali”.
Se aggiungiam che i suoi sodali

son Lotito e Agnelli Andrea
ci possiamo far l’idea
che Tavecchio sia un monello.
“Con Ventura, astro novello

e maestro di pallone,
passerem la transizione
che da Conte va al futuro
bene assai” disse il figuro.

Ma poi fu l’apocalisse
e la Svezia ci sconfisse.
I campion non sono tali
e son fuori dai mondiali.

La morale della storia?
“L’esclusione è una vittoria
se fa andare via Tavecchio,
ma c’è ancor da far. Parecchio”.

blog MicroMega, 23 novembre 2017

Martirello e i Rutelli boys

La Costituzione batte Renzi 59 a 41.
(il Fatto Quotidiano, 5 dicembre 2016)
Matteo si arrende: “Il popolo ha parlato chiaro, ora lascio”. Il premier annuncia le dimissioni.
Oggi sale al Colle. Tiene però la guida del Pd, domani la resa dei conti in Direzione.
(ibidem)
Renzi, l’ultimo comizio, non ammette critiche: ma non lo ascoltano più.
(il Fatto Quotidiano, 8 dicembre 2016)
Il Pd firma il patto Gentiloni, Renzi vuole che duri poco.
(il Fatto Quotidiano, 10 dicembre 2016)
Gentiloni, governo fotocopia.
(la Repubblica, 13 dicembre 2016)
La Boschi passa a guidare la struttura di Palazzo Chigi: quasi una promozione.
Il Quirinale non lascia i Servizi segreti a Luca Lotti che ottiene però Sport ed editoria.
(il Fatto Quotidiano, 13 dicembre 2016)

Martirello e i Rutelli boys

“La clessidra è ormai girata,
basta un No a me e alla fata
e non ci vedrete più,
salve a tutta la tribù!”

“Con il No cambio mestiere,
lascio perdere il potere:
altro premier, ma non solo,
altro segretario al volo.

Non son un quaraquaqua,
è question di serietà!”
Certo d’una gran vittoria,
l’uomo pien di vuoto e boria

mille volte così disse.
Poi ci fu l’apocalisse
perché nel giorno del voto
per il Sì fu un terremoto

ed il rutellian marmocchio
tornò ad essere Pinocchio.
“Abbiam perso la battaglia,
ora tocca all’accozzaglia

il governo del Paese.
Mi dimetto e con Agnese
me ne torno a Pontassieve”.
Solo chi è fesso se la beve.

Sale al Colle e a Martirello,
presidente travicello,
fa un discorso molto chiaro:
“Ma ne vado, Sergio caro,

ma è evidente che al mio posto
deve andar non uno tosto
che poi resta nei coglioni,
ma uno come Gentiloni,

di Rutelli già lacchè.
Lui farà un governo che
del mio sia copia fedele
con le solite miscele

di fanciulle, di incapaci,
di affaristi, di mendaci
e di miei capicenturia.
Ovviamente Maria Etruria,

che ha sbagliato ogni sua mossa,
dovrà essere promossa
così come Luca Lotti,
il miglior dei miei picciotti.

Il teatrino è cominciato:
Martirello ha consultato
ventitré delegazioni
e ha affidato a Gentiloni

il governo del Paese
dove il No il sessanta prese,
ma mai nulla cambierà
grazie alla stabilità.

Il boy scout referendario
è rimasto segretario
di un partito che è un vulcano,
dove chi non è renziano

se la vede molto brutta.
Dove regna una combutta
col velen dello speziale
e la legge del pugnale.

Nella direzion post No
solo Renzi sproloquiò,
come sempre nel passato
fu il dibattito vietato.

Il Congresso si avvicina
con la solita manfrina
sulle regole da usare
affinché vinca il compare.

In attesa di che cosa?
Di una novità preziosa:
il votar per un governo
e mostrar che non è eterno

il ducetto assatanato.
Tanti No lo han dimostrato
anche se questo marmocchio,
che nell’essere Pinocchio

è testardo come un mulo,
poi ci ha preso per il culo
non togliendosi di torno.
Ma domani è un altro giorno.

blog MicroMega, 19 dicembre 2016

Qualis pater, talis filius

Referendum prostituzionale.
(il Fatto Quotidiano, 28 settembre 2016)
Trova le differenze, Matteo e Silvio. Casco, lavagna e alleati: gli stessi.
(il Fatto Quotidiano, 30 settembre 2016)
Sul settimanale di Berlusconi. La comunione della figlia, Agnese e qualche spot.
(ibidem)
I miracoli di un Santo Pop: a Silvio tutto è perdonato.
(il Fatto Quotidiano, 1 ottobre 2016)
Infermieraaaaah!
(il Fatto Quotidiano, 2 ottobre 2016)

Qualis pater, talis filius

A settembre, il ventinove,
il Paese si commuove:
Silvio, il vecchio barbagianni,
ha compiuto gli ottant’anni.

Tutti inneggiano al Banana:
panegirici, peana,
plausi, osanna, encomi, auguri,
che trent’anni ancor ci duri…,

gli pervengon da ogni parte.
E’ l’oblio in Italia un’arte
coltivata ed alla grande:
Silvio ci ha messi in mutande,

ha corrotto con dovizia,
ha adattato la Giustizia
alle proprie convenienze,
ha comprato le sentenze

e un bel po’ di Parlamento,
ha mentito a ogni momento,
ha tradito le promesse,
ha curato il suo interesse,

ha aiutato i malfattori,
favorito gli evasori,
ha distrutto il Belpaese
peggio di una guerra al mese.

Eppur tutti lo han lodato:
organismi dello Stato,
vecchi rivoluzionari,
leccacul, ladri, compari,

giornalisti intransigenti,
ex nemici compiacenti,
vecchi amori, signorsì
e più di mezzo Pd.

Per timor dei tempi bui
di un doman senza di lui
fra sé e sé ciascun si chiede:
“Lascerà Silvio un erede

che con lui faccia staffetta?”
La risposta arriva in fretta.
Chi abolì in quattro e quattro otto
quell’Articolo diciotto

che tutela chi lavora?
Chi ha mandato alla malora
la Giustizia e i magistrati
trasformati in imputati?

Chi difende gli evasori?
“Dalla Rai i partiti fuori
da domani!” chi lo disse,
per poi far l’apocalisse

con chi sembra a lui contrario?
Chi il Porcellum leggendario
in Italicum cambiò
e il maial si reinventò?

Sulla prima casa chi,
come Silvio fece un dì,
tagliò l’Imu anche ai ricconi
con ingenti patrimoni?

Chi della Costituzione
fa un orrendo zibaldone,
vuol che la democrazia
in un amen vada via,

del Senato fa sterminio
riducendolo a abominio
e col bicameralismo
gioca con funambolismo?

Chi governa con Alfano,
come un dì fece il caimano,
con Cicchitto e con Verdini,
l’uomo dai mille casini?

Le Olimpiadi chi le vuole,
pur se è chiaro come il sole
che son soldi sputtanati
per noi che siamo spiantati?

Chi, come Silvio tutti i dì,
coi suoi cari va su “Chi”?
Chi vuol, come un dì l’Ometto,
fare il Ponte sullo Stretto?

Chi scrivendo alla lavagna
ci racconta la cuccagna
del suo Patto per l’Italia
che i fan creduloni ammalia?

Chi col casco da cantiere,
come fece il Cavaliere,
ogni giorno taglia nastri
anche sol per tre pilastri?

E’ un curriculum perfetto
per l’erede dell’Ometto
il cui nom alto rimbomba:
“Il suo erede è Renzi, il Bomba!”

blog MicroMega, 7 ottobre 2016