Il volpone e il grillo grullo

Se la Lega ingoia Di Maio.
(la Repubblica, 14 giugno 2018)
Gli ordini di Salvini e il silenzio dei 5S.
(il Fatto Quotidiano, 17 giugno 2018)
La forza della Lega.
(la Repubblica, 18 giugno 2018)

Il volpone e il grillo grullo

Caro Giggi, ma che hai fatto?
Quella firma del contratto
fu l’avvio dell’avventura,
sul domani un’apertura

non la fine di una storia
chiusa con una vittoria.
Sembra invece, in verità,
che le stelle là per là

si sian spente ad una ad una
ed in ciel brilli la luna
con la faccia di Salvini.
Dove son, Giggi, i grillini?

Con il trentadue per cento
di elettori il Movimento
ha commesso una boiata:
ha la leadership donata

non a un professore in gamba,
ma a un cazzaro verde bamba
che, con il suo diciassette
nonché le sue mosse abiette,

il Paese porterà
fuori dalla Civiltà
nell’infame compagnia
dell’orribile Ungheria.

Nella agenda di un governo
che dovrebbe aver per perno
chi ha doppiato il concorrente,
hai affidato alla tua gente

gli argomenti più rognosi,
più difficili e costosi,
che richiedon mediazioni,
tempo e un sacco di milioni

per avere un risultato.
Hai lasciato all’alleato
quelli in cui quattro parole,
due sparate e un po’di fole

non risolvono i problemi,
ma permettono agli scemi
di pensar che sian risolti.
Qui gli scemi sono molti

poiché, ahimè, il popolo è bue
e dirige mal le prue
se al timon mette un cazzaro
di cazzate mai avaro.

Facil dir: “Chiudiamo i porti!”
“Alla Ue ci fanno i torti!”
“Tutti i rom saran censiti!”
“Ci armerem contro i banditi

e gli spareremo a vista!”
Son battute da leghista,
ma i problemi restan lì
come ai tempi del Pd.

Matteo poi ti invade il campo
poiché lesto come un lampo
fa il mestier dei tuoi ministri.
Non c’è dì che non registri

l’invasione di Salvini:
oggi parla dei vaccini,
parlò ieri dei contanti
in aiuto ai lestofanti

ed agli evasor marpioni.
Ha parlato di condoni
e cartelle esattoriali
con dei tagli eccezionali.

Un orrendo tweet al giorno
il grillin toglie di torno.
E dei bischeri la corte,
che vuol sempre l’uomo forte,

di Salvini si innamora:
“Di’ cazzate, ancora, ancora!”
Dunque siam senza speranza,
sottomessi all’ignoranza

della Lega di Salvini
ed al nulla dei grillini?
Andrà peggio nel futuro,
quando l’orrido figuro

opterà per le elezioni,
quando Silvio Berlusconi
e Meloni, la fascista,
alleati col leghista

andran tutti e tre al governo.
Sarà tal quel dì l’inferno,
così fetido il troiaio,
che rimpiangerem Di Maio!

blog MicroMega, 27 giugno 2018

Isoardo, baluardo lombardo

Speedy Pizza, golpe e ruspa: così Mr Lega ha liquidato B. e Renzi.
Ascesa Viminale. Da “comunista padano” a europarlamentare con staff made in Bossi.. Poi la “scalata” nazionale e la sua “pacchia”. Di Pino Corrias
(il Fatto Quotidiano, 9 giugno 2018)

Isoardo, baluardo lombardo

I

Nove-tre-settantatre,
a Milan nasce un bebé
ch’è il peggior dentro i confini
dal nom di Matteo Salvini.

Studia al classico Manzoni,
un liceo fra quelli buoni,
ottien la maturità,
tenta l’Università

dove non combina niente.
Da irrequieto adolescente
cresce pur con qualche sballo:
s’appassiona al Leoncavallo,

gioca a calcio, si ingazzosa,
cuoce hamburger, corre a iosa
a pedal per Speedy Pizza.
Poi la Lega lo elettrizza:

fa il padano comunista
e incazzato scende in pista,
ché un leghista non perdona,
contro la Roma ladrona

e la Napoli colera.
Con megafono, bandiera,
felpa, ruspa ed orecchino
tutti i giorni fa casino

nei bazar d’ogni rione:
“Secessione, secessione!”
incita la verde folla.
Fedelissimo all’ampolla

e credente nel Dio Po
come Bossi gli dettò,
la carriera è eccezionale.
Consigliere comunale

milanese, sugli scranni
sta per diciannove anni
nei qual cerca il galantuom
di spianare i campi rom

e far sì che le signore
e i baluba di colore
viaggino ben separati
in vagoni dedicati

della metro milanese.
Non soltanto. Il bell’arnese
mangia pane a tradimento
nell’odiato Parlamento

Ue per tre legislature
dove si è portato pure,
portaborse ben pagati,
i parenti fortunati

del gran capo Umberto Bossi,
dell’Europa due colossi,
ciascheduno nel suo ruolo
di fratello e di figliolo.

II

Ma la Lega va a puttane,
il declino è proprio immane:
lotte interne, quote latte,
ictus vil che Bossi abbatte,

avventure di Belsito
che depredano il partito,
Renzo, il Trota, che sputtana
padre, Lega e tanta grana.

Mentre il veteran Salvini
se ne frega dei casini
e dà corso alle sue idee
con la guerra alle moschee,

ai terroni nella scuola
e l’elogio alla pistola.
In amore è assai focoso:
a trent’anni è dolce sposo

e di un figlio buon papà,
poi divorzia là per là.
A quaranta fa una figlia
senza metter su famiglia.

Per l’amor non è mai tardi
ed arriva la Isoardi,
diligente stiratrice
delle sue bianche camicie.

Nel frattempo ormai la Lega
sta per chiudere bottega
con il suo quattro per cento.
Ecco, è giunto il suo momento,

manda fuori dai coglioni
tanto Bossi che Maroni
senza il minimo rimorso
ed inizia il nuovo corso.

Grazie a “Dio, Patria e Famiglia”,
la muffita paccottiglia
di un passato leggendario,
viene eletto segretario.

III

Il Po non è più il confine
come fu nel vecchio cine,
bensì il punto di partenza
di una Lega che ha l’urgenza

di imbonir tutto il Paese.
Basta con insulti e offese
contro Roma e il Meridione.
Lotta contro l’invasione

dei baluba e dell’Islam,
stop a tutti a questi infam!
Nuovi motti dei padani:
“Vengon prima gli italiani”

E “Padroni a casa nostra”
alla brutta faccia vostra.
Con indegne scorrerie
sfrena la periferie

fomentandone i rancori,
incoraggia gli evasori
con la gran guerra alle tasse
ed ancora non bastasse

vuol che venga molto estesa
la legittima difesa
trasformando i cittadini
in legittimi assassini.

I quattrini sputtanati
dai capoccia in tempi andati
ed al popolo sottratti?
“Me ne frego dei misfatti

della primordial bottega.
Conta sol la nuova Lega
della qual son Capitano.
Il passato è ormai lontano”.

IV

Liquidati in un baleno
Forza Italia e il Nazareno,
il caimano Berlusconi
e il campion dei fanfaroni,

cambia immagine e impersona
un sovran con la corona
ch’è non sol dominatore,
ma anche uom ricco di cuore

che si mostra, figli in braccio
e d’amore preso al laccio
da una bella seduttrice
e perfetta stiratrice,

sui settimanali pop.
Ha stravinto, è giunto al top
e “La pacchia è ormai finita”
sia per chi rischia la vita

preda degli sfruttatori
raccogliendo pomodori
o arrivando coi barconi
sfugge a fame e privazioni,

sia per i propri alleati
che Matteo si è cucinati.
Non è più il verde cazzaro,
ora è del governo il faro

dalla torrenzial favella.
Addio Sergio Mattarella,
addio Conte, addio Di Maio,
ecco un altro parolaio

che conquista gli italiani
che fra lodi a battimani
per Salvini fanno il tifo.
La morale? “Ma che schifo!”

Nota: La poesia è stata ispirata da un articolo uscito sul Fatto
Quotidiano del 9 giugno 2018.”Speedy Pizza, “golpe” e ruspa:
così Mr Lega ha liquidato B. e Renzi” di Pino Corrias che qui
ringrazio.

blog MicroMega, 20 giugno 2018

Top