Torna piccino mio

Rieccolo, l’Europa riabilita Berlusconi: “Il Ppe sta con lui”.
(il Fatto Quotidiano, 23 gennaio 2018)
Gentiloni si avvita alla poltrona: attacca solo il M5S e si tiene buono B.
(ibidem)
La grazia di Scalfari e il lifting morale di Silvio.
(il Fatto Quotidiano, 24 gennaio 2018)
Ultimo bluff di Renzi e B per salvare l’inciucione.
(il Fatto Quotidiano, 7 febbraio 2018)
Spd e Merkel ormai d’accordo su tutto, resta da trovare un ruolo per Schulz.
(la Repubblica, 7 febbraio 2018)

Torna piccino mio

Berlusconi sta tornando.
Dall’Europa messo al bando
fra irridenti risolini
e severi bollettini,

ora è tutto perdonato.
Che sarà mai capitato?
Una folla di anti Ue
sta spuntando ovunque e, ahimè,

sta rischiando anche l’Italia
che il Pd più non ammalia.
Se l’Europa va a puttane
una cosa sol rimane:

affidarsi a un puttaniere.
Perciò: “Welcome, Cavaliere!”
A Bruxelles dov’è tornato
s’alza un coro sgangherato:

“Lo statista è da lodare
e non da riabilitare!”
“Grazie a Silvio Berlusconi
la miglior delle Nazioni

diverrà l’Italia che
sarà un faro della Ue!”
“Avrà Silvio il nostro appoggio!”
Di leccate ognun fa sfoggio.

Il ritorno del caimano
piace al popolo italiano,
grazie ad un lifting morale
ognun scorda il criminale,

le sentenze, i suoi processi,
i conflitti di interessi,
girotondi, leggi ad hoc,
corna, insulti, amori shock,

i suoi esordi avventurosi,
le amicizie coi mafiosi,
l’inchiavabile culona
diventata santa icona.

I suoi eredi del Pd,
un per cento in meno al dì
grazie al figlio di Tiziano,
sanno che con il caimano

un futuro ancora avranno
e con lui governeranno
senza inciuci e sotterfugi.
La Democrazia trangugi…

Il Pd già nel passato
i programmi ha realizzato
del caiman fatto statista.
Un bel po’ di posti in lista,

rifiutati agli orlandiani,
son per gli ex berlusconiani
e in campagna elettorale
lungo tutto lo stivale

Forza Italia ed il Pd
non si attaccano bensì
fanno sempre a lingua in bocca.
Mattarella si balocca

con l’amato Gentiloni
perché sia con Berlusconi
fonte di stabilità,
quella che trionferà

con la Merkel democrista
e Schulz, falso socialista
alleati nuovamente,
anche in mezzo al continente.

Giunti a questo punto è chiaro
anche all’ultimo somaro
che votar non serve a un cazzo:
è okkupato già il Palazzo

dalle ignominiose schiere.
Lo si fa poiché è un dovere,
per rispetto a chi morì
per ridarci il No e il Sì.

La moral della faccenda
non può essere più orrenda,
ma è la triste verità:
Berlusconi tornerà,

chiunque vinca, chiunque perda.
Noi restiamo nella merda,
popolo senza memoria
né attenzione per la storia.

blog MicroMega, 8 febbraio 2018

Un altro guaio, Gigi Di Maio

Di Maio, la prima biografia amica. “Se fallisco, lavapiatti a Bruxelles”.
Prosegue la preparazione della corsa verso Palazzo Chigi: ieri il bacio alla teca di San Gennaro.
E un volume ne celebra le gesta.
(la Repubblica, 20 settembre 2017)

Un altro guaio, Gigi Di Maio

Dopo Craxi, Berlusconi
ed il re dei fanfaroni,
detto il Bomba di Rignano,
si può dir che l’italiano

abbia visto ormai di tutto:
un caimano, un farabutto
e un ignobile marmocchio
più bugiardo di Pinocchio.

Ma si sa com’è la vita:
tocchi il fondo con le dita,
ma se scavi vai più giù
e ti puoi trovar…cucù!

da premier anche Di Maio
con il suo burattinaio
che lo spinge nel Palazzo,
“Affanculo, avanti, cazzo!”

Di lui non sappiamo molto,
se sia saggio, se sia stolto,
se è capace di pensare
o soltanto di cianciare

come fanno i Cinque stelle
sulle tante marachelle
di un Paese disastrato.
Si presenta assai azzimato,

eleganza da piazzista
più che da bravo statista.
Sa parlare affabilmente
su che vuol sentir la gente,

da politico cialtrone
che la pubblica opinione
segue più che indirizzarla
con la populista ciarla.

Un biografo ufficiale
fa un ritratto eccezionale
del messia pentastellato
che è di Gandhi appassionato.

Nato in quel di Pomigliano
nel milieu napoletano
nel radioso ottantasei
come dono degli dei,

fa l’asilo alle Orsoline
che già chiama cittadine
prima ancor che Beppe Grillo
gli trasmetta il suo bacillo.

Alla scuola elementare
il miglior fra tutti appare
questo ragazzino sveglio
e alle medie va ancor meglio,

di bei voti fa man bassa
e gestisce pur la cassa.
Nel miglior liceo, l’Imbriani,
è un titano fra i titani.

L’insegnante Rosa Manna
è per lui tutta un osanna:
“Coi capelli ben curati,
viso e collo ben rasati,

look per nulla stravagante,
nell’esposizion brillante,
un acuto osservatore,
gioia d’ogni professore.

Ottimo in filosofia,
un po’ meno in geografia…
confondeva – Rosa svela –
ahimè Cile e Venezuela.

Debole sui congiuntivi,
per lui d’ogni senso privi
poiché Gigi era ammalato
quando in classe ne ho parlato

nei dettagli e senza fretta”.
Un’ immagine perfetta.
Poi all’Università
molto meno bene va:

prova a fare l’ingegnere,
ma non sembra il suo mestiere,
passa a far Giurisprudenza,
ma di laurea è ancora senza,

fuori corso a trentun anni.
Del grillino con i panni
vince le trionfal primarie,
dette le parlamentarie,

con men di duecento voti,
un prodigio. Fra i devoti
del paisà santo, Gennaro,
si schierò perciò il somaro

candidato presidente.
Gli diciam sommessamente:
“Gigi, chi bacia la teca,
ipso facto, è una ciofeca!”

blog MicroMega, 27 settembre 2017

Con De Luca il Sì manduca

“Della Costituzione me ne fotto. Qua arriverà un fiume di soldi”. Clientelismo per il Sì. Il resoconto del “Fatto” di una riunione a porte chiuse del governatore della Campania. “Il premier ci ha dato milioni di euro”.
(il Fatto Quotidiano, 18 novembre 2016)
“Portate la gente al voto”. Sulle frasi dello “sceriffo” aperti due fascicoli.
(la Repubblica, 24 novembre 2016)
Se l’impresentabile ora è indifendibile.
(ibidem)
I proniviri.
(il Fatto Quotidiano, 27 novembre 2016)

Con De Luca il Sì manduca

Par che il codice Pd
reciti più o men così:
“Chi fa parte del partito,
uomo, donna o ermafrodito,

agirà con onestà,
equilibrio e sobrietà.
Non trarrà alcun privilegio,
evitando il sacrilegio

di gestioni clientelari,
scambi e disonesti affari.
Non praticherà pressioni
e farà sol buone azioni”.

Ma le norme son di gomma,
questo articolo e il suo comma
spesso son dimenticati
dai piddini indaffarati,

mentre dormon come ghiri
del partito i probiviri.
Fino a che Enzo De Luca
da salernitan granduca

diventò governatore
e di Renzi grande amore.
Or che il referendum preme
e la gang toscana teme

che il Sì al voto faccia pena,
al Ramada si scatena
lo sceriffo, in modi urbani,
con i sindaci campani:

“Se vogliam che il Sì si avveri
dobbiam fare come Alfieri,
campion di clientelismo
e modello di affarismo.

Un’occhiata già ci svela
come attiri la clientela,
molto ben organizzata,
razional, selezionata

con astuta propaganda
fatta come Dio comanda.
“Franco, fa che cazzo vuoi,
ma dei cittadini tuoi

la metà porta a votare
o per un fritto di mare
od in barca o su uno yacht.
Basta che ne porti un tot,

il tuo tot è quattromila,
mezza Agropoli che sfila
coi vessilli ed in corteo
va a votare il Sì a Matteo”.

Poiché è chiaro, cari amici,
che Matteo ci fa felici
con un fiume di quattrini
Siamo stati dei tapini

per la destra e la sinistra
e sol ora si registra
questa pioggia di denari
grazie a Renzi e ai suoi compari.

Milion d’euro per Bagnoli,
altri per sanare i suoli
dell’infam Terra dei Fuochi,
altri ancora, e non son pochi,

vanno a Napoli città.
Basta chiedere e lui dà:
per Caserta ed Ercolano,
per Pompei e agro campano.

Di quattrini siamo a caccia:
che vi piaccia o non vi piaccia
Renzi con il suo codazzo
a me non importa un cazzo!

La Costituzion votiamo
ed in cambio soldi abbiamo,
è sol questo che ci importa.
Su, correte porta a porta,

senza mai pensare ad altro
che non sia il modo più scaltro
atto a far vincere il Sì
perché i soldi arrivin qui.

Al lavoro, zitti e buoni,
senza tante discussioni!
Ed i numeri spedite
dei Sì che mi garantite”.

Questa è la version campana
di un’Italia un po’ puttana,
come Renzi l’ha ridotta.
La Costituzion? Si fotta.

blog MicroMega, 30 novembre 2016

Top