Chi è colpa del suo mal…

L’eterno ritorno di Berlusconi, da caimano a (falso) statista.
(la Repubblica, 23 febbraio 2018)

Chi è colpa del suo mal…

Dell’Europa è il paradosso.
L’ha nell’undici rimosso
a pedate nel sedere,
mentre adesso il Cavaliere

vien riaccolto a braccia aperte.
Junker pare il più solerte
nel suo alcolizzato dir:
“Mon cher Silvio, quel plaisir!”,

dopo quattro whisky almeno
tracannati in un baleno.
Con la Merkel anche i crucchi
sobri o non del tutto ciucchi

si trasformano in lacchè:
“Grazie, Silvio dalla Ue!”
Eppur chi seminò il sale
ora dice, criminale,

col sorriso da teatrante:
“Per l’Italia son garante
e Salvini, grazie a me,
non sarà giammai premier!”

Fa stupor vedere in pista
Silvio da antipopulista,
sentir il padrin padrone
dire con moderazione:

“Saran ben seicentomila
i migranti in lunga fila
dall’Italia allontanati!”,
nonché: “Ai vecchi più sdentati

doneremo una dentiera!”
E’ tornato, ahimè, com’era
dopo le immersion termali
e le plastiche facciali.

Ci risiam con i condoni,
con gli aumenti alle pensioni
ed a tutti meno tasse:
la flat tax e, non bastasse,

auto, casa e successioni
libere da imposizioni.
Lotta all’evasion fiscale
per la quale il criminale

fu peraltro condannato
ed espulso dal Senato,
oramai una vecchia storia
per chi non ha più memoria.

Non c’è più nessun che inquadri
il decreto salvaladri,
vagon di leggi vergogna,
una per ogni bisogna,

lodo Alfan, lodo Schifani
che i processi fan lontani,
legge per le prescrizioni
che fa santi dei demoni,

legge blocca rogatorie,
leggi per le sanatorie,
legge sul falso in bilancio
che alla corruzion dà slancio.

E i conflitti di interessi,
le decine di processi,
giornalisti fatti fuori,
corruzion di senatori,

i quattrin dati ai mafiosi,
gli stallieri misteriosi.
“Il razzismo non esiste!”
“Le violenze? Antifasciste!”

Di Mubarak la nipote,
le olgettine con la dote,
la D’Addario nel lettone,
come personal lenone

Tarantini messo in pista,
“Mussolini? Uno statista
che mandava gli empi al mare!”
“La patonza ha da girare!”

Tutto questo è perdonato,
il caimano è ritornato
per il ben della Nazione,
grazie a un popolo coglione,

ma coglion oltre ogni dir.
“Mon cher Silvio, quel plaisir!”
“Caro Silvio, che piacere!”
Giù il sipario. Miserere.

blog MicroMega, 27 febbraio 2018

La Beatrice che non bea

Lorenzin, contorsionista da “Cirque”
(il Fatto Quotidiano, 18 gennaio 2018)

La Beatrice che non bea

Nata a Roma nel lontano
settantuno, padre istriano,
fiorentina la mammà,
classica maturità,

studi di giurisprudenza
della qual poi fece senza,
dei Police appassionata
e ai Pink Floyd affezionata,

del Giornal d’Ostia cronista,
dal novantasette in pista,
esordì nel Pdl
del caiman tra le pulzelle

in un municipio a Roma.
Uno strano cromosoma
fece della Lorenzin,
spacciatrice di vaccin,

una Fregoli agitata
del potere innamorata,
campion di contorsionismo
e di super narcisismo.

Quando Re Napolitano
accoppiò Letta e il caimano
nel governo a larghe intese
per il bene del Paese

fu ministra, grazie a Letta.
Poi con una piroetta
ed Alfano, il senza quid,
fu Beatrice very speed

nel fondar l’Ncd
che a Matteo disse di sì
salutando il Cavaliere.
Giunto Renzi al miserere

con il flop della riforma,
gorgheggiando Nessun dorma!
nella stanza dei bottoni
restò grazie a Gentiloni.

Da ministra alla Salute
le sue chiappe ha mantenute
sulla comoda poltrona
dove da un lustro conciona

su vaccin, fertilità
e tagli alla sanità.
Se il Pd è la via maestra
il nom Nuovo Centro Destra

obsoleto alquanto pare
e Alleanza popolare
nasce in vista del domani.
Lorenzin batte le mani.

Ma è crudele assai il destino
poiché il povero Angelino
molto sconfortato lascia
ed il partitin si sfascia.

Lupi ed altri turpi bamba
vanno a far la quarta gamba
del vegliardo meneghin
e Beatrice Lorenzin

fa una nuova coalizione
con due belle parolone:
Civica e Popolare.
Per campar che s’ha da fare…

Lorenzin ch’è una demonia
ha anche scelto una peonia
come simbolo: è abortita
l’idea della margherita,

ché Rutelli ha detto: “No,
il mio fior non ve lo do!”
Cosa dir della ministra?
Che per lei destra, sinistra,

Letta, Renzi, Berlusconi,
Angelino, Gentiloni,
Pdl ed il Pd
sono come dei taxì

sulla via della poltrona:
sale, viaggia, li abbandona
pronta per la ripartenza
e…saluti alla coerenza.

“Bayer, Pfizer, Merck, Zambon,
Abbott, Glaxo, siate buon:
preparateci un vaccin
contro il morbo Lorenzin!”

blog MicroMega, 23 gennaio 2018

Il bello addormentato nei Boschi

Renzi a confronto con Obama, l’Europa e il referendum.
(la Repubblica, 23 ottobre 2016)
E’ stata l’upupa.
(il Fatto Quotidiano, 28 ottobre 2016)
“Il Presidente non può avere colloqui privati”.
La sbigottita reazione di Pace al Sì del Quirinale comunicato a Scalfari.
(ibidem)

Il bello addormentato nei Boschi

Mentre la battaglia infuria
sui casin che Maria Etruria
farà con la sua riforma,
mentre canta Nessun dorma

il toscan tristo messere
che vuol sempre più potere,
mentre Giorgio Re il golpista
tutti i giorni scende in pista

coi suoi moniti di parte,
mentre truccano le carte
tutti i sapienton del Sì
perché Renzi vuol così,

mentre finanziarie squali,
turpi multinazionali,
biechi centri di potere
van cantando il miserere

ove mai vincesse il No,
mentre della Ue i kapò
stan facendo i finti tonti
col boy scout che trucca i conti

affinché il Si non perda
e restiamo nella merda,
mentre pur Barack Obama,
oramai impotente, trama

perché vinca Sua Arroganza,
mentre la vil minoranza
del Pd, fuor di cotenna,
sempre più nicchia e tentenna,

mentre i tipi alla Benigni
si fan, affinché ti indigni,
leccacul voltagabbana
per il duce alla toscana,

mentre tutto ciò succede
e lo schifo prende piede
fino a farti vomitare,
un articolo compare,

di carattere esplosivo,
su un giornal governativo.
Scalfari ne è lo scrivente:
“Ha parlato il Presidente!”

Ma chi, Sergio Mattarella?
Quello che, senza favella,
a parlar non si avventura
nemmen sotto la tortura?

Quella delle tre scimmiette
che parole non emette?
Colui che a guardarlo in viso
ti si gela ogni sorriso

e ti prende lo sconforto
perché pensi d’esser morto?
Ha parlato? E cosa ha detto?
Che è tifoso del ducetto

che lo ha messo al Quirinale
e perciò il suo Sì è normale,
sicula riconoscenza
di un picciotto di eccellenza.

Bando alla neutralità
che di moda più non va
e saluti al giuramento,
fatto da Sergio al momento

della provvida elezione,
sulla attual Costituzione.
E poi Sì vuol dir futuro
con l’ignobile figuro

che il Pd ci ha rifilato,
mentre il No vuol dir passato,
come Sergio Mattarella,
buco senza la ciambella.

Taccia, illustre Presidente,
torni ad essere silente,
anzi dorma! Lei dà il meglio
da dormiente che da sveglio.

blog MicroMega, 2 novembre 2016

Top