Dilettanti allo sbaraglio

Giochi pericolosi: adesso il caimano dà l’ok all’esecutivo Di Maio-Salvini, senza la fiducia di Forza Italia.
Ma detta le condizioni: anche sul premier.
(la Repubblica, 10 maggio 2018)
Governo Salvimaio: il contratto avanza e il premier non si trova.
(la Repubblica, 12 maggio 2018)
Al terzo uomo del Salvimaio io dico: “Ti vedo e piango”.
(il Fatto Quotidiano, 12 maggio 2018)
Mattarella avverte i dioscuri: sarà lui il vero contropotere.
(il Fatto Quotidiano, 13 maggio 2018)
Salvini alza il prezzo con M5S e agita lo spettro di Berlusconi.
(il Fatto Quotidiano, 15 maggio 2018)
Se nasce il premier esecutore.
(la Repubblica, 16 maggio 2018)
Governo, ecco il contratto.
(la Repubblica, 17 maggio 2018)

Dilettanti allo sbaraglio

Poiché il fanfaron toscano
il Pd tenne lontano
dagli odiati 5Stelle
ne vedremo delle belle,

visto che fra pochi dì
i grillin si diran sì
con gli orribili leghisti,
i peggior che abbiam mai visti.

Incomincia un tourbillon
di messaggi e di riunion
fra i due giovani virgulti.
In archivio van gli insulti

nonché le promesse ai fan.
“No a chi col brutal caiman
rovinato ha il Belpaese,
con la Lega niente intese!”

tuona il capo dei grillini
ricambiato da Salvini:
“Giammai con i 5Stelle!”
Ora? Amici per la pelle.

Agli antipodi i programmi?
Ti rispondon: “Niente drammi,
sceglieremo fior da fiore
ogni cosa che fa orrore,

tutte insiem le metteremo
e un contratto firmeremo”.
E i ministri chi saranno?
“Metteremo sullo scranno

i migliori fra i soloni
delle nostre Istituzioni”.
E chi andrà a Palazzo Chigi?
“Ci avvarremo dei servigi

di un neutral di qualità,
qualchedun si troverà”.
Si moltiplican gli incontri
fra gli sherpa, i bluff, gli scontri,

le proposte strampalate,
i ricatti, le imboscate,
i via vai al Quirinale
come in un confessionale,

ma il governo non si vede
ed il duo altro tempo chiede
con la base che starnazza.
Mattarella un po’ si incazza

e pur se con far felpato
ai due pirla ha ricordato
a chi tocca fare che:
“Son io che scelgo il premier,

io che nomino i ministri”,
che qualcuno lo registri.
C’è Di Maio che si gloria:
“Siam qui che facciam la storia!”,

mentre l’orrido Salvini
si prosterna negli inchini
al padron riabilitato
che il governo ha autorizzato

purché faccia quel che vuole
lui con tutta la sua prole.
L’uomo di Palazzo Chigi
dovrà far molti prodigi:

il programma non è il suo
ma gli è imposto dal bel duo.
I ministri li ha trovati
in poltrona già piazzati

ed avrà quattro padroni:
Mattarella, Berlusconi,
il grillin Giggi Di Maio
e Salvini. Un ginepraio.

“Questa Tav non s’ha da fare!”
“No, ci vuol, scavar, scavare!”
“Basta con le prescrizioni!”
“No!” inveisce Berlusconi.

“No al conflitto di interessi!”
“Ora basta con gli eccessi!”
“Sempre avanti con la Ue!”
“Prima usciamo e meglio è!”

“La galera agli evasori!”
“Dalle celle stiano fuori!”
“La flat tax è una figata!”
“E’ un disastro, va evitata!”

La moral? Facile dirla.
Un premier sì tanto pirla
non si troverà, perciò:
populisti sciò, sciò, sciò!

blog MicroMega, 18 maggio 2018

Maria Etruria

Consoli conferma: “Andai ad Arezzo per incontrarla”.
(il Fatto Quotidiano, 16 ottobre 2017)
Di Boschi e di riviere.
(il Fatto Quotidiano, 20 ottobre 2017)
Vegas inguaia la Boschi: “Venne da me a Milano”.
(il Fatto Quotidiano, 15 dicembre 2017)
Anche Padoan scarica la Boschi: “Mai saputo di incontri sulle banche”.
(il Fatto Quotidiano, 19 dicembre 2017)
L’ultima linea di difesa: “Niente pressioni”. Ma il conflitto c’è eccome.
(il Fatto Quotidiano, 20 dicembre 2017)
Ghizzoni tumula Renzi, Boschi e Carrai. Abbiamo una banda.
(il Fatto Quotidiano, 21 dicembre 2017)

Maria Etruria

Credevam fosse Matteo
dei bugiardi l’apogeo
fino a che un fato crudele
ci ha mostrato Mariaele

in difesa dell’Etruria.
La polemica che infuria
ha provato chiaramente
che la Madonnina mente

ancor più del fiorentino.
Con sorriso adamantino
sentenziò senza complessi:
“Il conflitto di interessi

a favor del mio papà
è un infame bla bla bla
e un’accusa da cialtroni.
Io son con le Istituzioni

e dovesse saltar fuori
che ho commesso degli errori
e i doveri trascurato,
beh rinuncerei al mandato!”

Cara Boschi, a questo punto
quell’infausto giorno è giunto.
Parlan le testimonianze
di banchieri e sorveglianze,

Vegas, Consoli, Ghizzoni,
nonché le intercettazioni.
Il problema era evitare
all’Etruria di piombare

nelle grinfie di Zonin,
capo al Banco vicentin,
banca che da sempre ammalia
Visco boss di BankItalia,

anche se quasi in rovina.
Boschi incontra a Laterina
Consoli, Veneto Banca,
che il suo papalino affianca

nel lottar contro Vicenza.
Con la massima impudenza
poi si fionda in aeroplano
e alla Consob di Milano

va da Vegas, presidente.
“Sono preoccupata, mente,
poiché gli orafi aretini
temono che i vicentini,

accaniti concorrenti,
neghino i finanziamenti
ai clienti di papà
se Vicenza comprerà…”

“Io non posso farci nulla!”
Vegas dice alla fanciulla
e da gentiluom galante
la accompagna al ristorante.

Poi Ghizzoni, capo allora
di Unicredit. quasi implora:
“Vi può interessar l’Etruria?”,
diventando una gran furia

con De Bortoli che scrive
delle frasi un po’ allusive.
E’ una fonte di altri guai
la mail di Marco Carrai

che sollecita Ghizzoni,
ma, si sa, niente pressioni…
Con Panetta, vice Visco,
fa suonar lo stesso disco

sulla banca del papà:
“Per l’Etruria che si fa?”
La fanciulla tutto nega,
ma alla fine, esausta, spiega:

“Un problema nazionale
son le banche. E’ naturale
che un politico un po’ attento
dia una man sull’argomento

e ne parli ai capoccioni,
ovvio senza far pressioni”.
Ma di sette banche in culo
lei, testarda come un mulo,

solo in una ficca il naso:
è l’Etruria, guarda caso.
Padoan è lesto a chiarire:
“Una cosa posso dire:

a nessuno ho delegato
il problema complicato
della crisi delle banche
ormai senza le palanche

e chi se ne interessò
non sol non mi consultò,
ma neanche ha riferito
ciò che aveva visto e udito”.

L’interesse fu abusivo,
disdicevole e furtivo.
Boschi vuole farci fessi,
ma il conflitto di interessi

è un problema delicato,
basta un babbo ed è già nato.
Se aggiungiam gli appuntamenti,
i colloqui a fari spenti,

le furbate, i depistaggi,
i subliminal messaggi,
si può dire a buon diritto
che è cascata nel conflitto

e ora deve andare a casa,
via, sciò sciò, tabula rasa.
La ministra tutta pepe
da Madonna nel presepe

la vicenda ha degradata
a una semplice beata
che protegge il suo papà.
Torni a Arezzo e resti là!

blog MicroMega, 28 dicembre 2017

Tu vuo’ fa’ l’americano

Renzi guarda al futuro e negli Usa “prenota” Hillary.
Oggi cena alla Casa Bianca per 400 invitati: cibo, musica e strategie comuni.
(la Repubblica, 18 ottobre 2016)
L’ultima cena di Obama con l’“utile amico” Matteo.
(il Fatto Quotidiano, 18 ottobre 2016)
Obama, assist a Renzi. “All’Italia serve il Sì. Matteo governi anche se perde il referendum.
(la Repubblica, 19 ottobre 2016)
Barack tifa Matteo: un Sì in cambio della fedeltà.
(il Fatto Quotidiano, 19 ottobre 2016)

Tu vuo’ fa’ l’americano’

C’è Matteo alla Casa Bianca
con Agnese che lo affianca.
Ad accoglierli Michelle,
con Obama, il sole in ciel,

il giardin, le rose in fiore,
le bandiere tricolore,
stelle e strisce in ogni dove
e, a contarli, diciannove

forti colpi dei cannoni.
Gli ineffabili piacioni
recitan la loro parte
con la consumata arte

di chi sa che quel che dice
non è quadro ma cornice.
La canzone è sempre eguale.
“Questo è un uomo eccezionale

che non solo parla inglese,
ma fa il ben del suo Paese
con le splendide riforme
che daran valore enorme

all’Italia tanto amata
e da sempre prosternata
alla nostra volontà!”
Son le cose dette già

un dì a Monti e ieri a Letta,
una sintesi perfetta
del rapporto fra un padrone
e il premier di una Nazione,

che da settant’anni è schiava
e leccando il culo sbava,
sottomesso e reverente,
sulle chiappe del potente.

In più c’è la giovinezza
di un cialtron che con destrezza
offre le sue mercanzie
al suon delle sue bugie

e il particolar che Obama,
giunto all’ultimo proclama
poiché se ne andrà domani,
può lavarsene le mani:

su di lui non ricadrà
ciò che poi succederà.
“Bello, giovane ed audace
Matteo Renzi assai mi piace,

perciò spero vinca il Sì.
ma se non sarà così,
a evitare tempi bui,
faccio il tifo perché lui

vada avanti ancora un po’
anche se vincesse il No.
Beninteso…non mi impiccio,
per non fare alcun pasticcio!”

Matteo gli fa concorrenza:
“Incredibile accoglienza,
un legam forte e profondo,
un rapporto assai fecondo

col Paese dei miei crucci,
grazie al mitico Vespucci
e a chi settant’anni fa
ci ha donato Libertà

e fiducia nel domani:
i soldati americani.
Caro Obama, ti assicuro
che saremo anche in futuro

vostri fidi servitori:
nostri sono i tuoi valori.
Stelle e strisce sulla blusa,
andiam dove voglion gli Usa:

Iraq, Libia, Afghanistan
e Lettonia da doman,
ovviamente per la pace
che all’Italia tanto piace!”

Dopo questa messinscena,
una francescana cena:
agnolotti alla patata,
zucca e cacio in insalata,

le braciole di vitello,
timo con il caramello,
apple pie, tiramisù
ed il vin che fa glu glu.

Sono in quattrocento lì,
tutti quanti per il Si
per salvar lo status quo.
Basta un No e sarà sciò sciò!

blog MicroMega, 21 ottobre 2016

Top