Un governo a lunghe attese

Commenta | Leggi i Commenti

“Iva e Imu, servono 8 miliardi. Volete una maxi manovra?”
Saccomanni ai partiti: non ci sono risorse per i tagli alle tasse.
(il Fatto Quotidiano, 14 giugno 2013)
Iva congelata per tre o sei mesi. Nasce un asse tra Pd e Pdl. “Basta diktat del Tesoro”.
(la Repubblica, 15 giugno 2013)

Iva e Imu, Brunetta tenta di sfiancare Letta e Saccomanni.
(il Fatto Quotidiano, 15 giugno 2013)
Le fatiche inutili nel “solarium” di Montecitorio.
Le decisioni si prendono altrove e le leggi, senza soldi, non riescono a arrivare in aula.

(il Fatto Quotidiano, 16 giugno 2013)
Lavoro, “Fornero” più leggera e sconti fiscali a chi assume. Pacchetto del fare al via, resta il nodo Iva.
(la Repubblica, 17 giugno 2013)
Nostalgia democristiana.

(ibidem)
Il “decreto del fare” per ora farà pochino.
(il Fatto Quotidiano, 17 giugno 2013)

Un governo a lunghe attese


Il governo Letta-Alfano,
sponsor Re Napolitano,
sembra più che a larghe intese
un governo a lunghe attese.


Con in mano il cacciavite
Letta, elettricista mite
che rosario e croce sposa,
finge di avvitar qualcosa,


ma in realtà fa solo il gesto
e non mette nulla in sesto.
Con il suo felpato stile
sembra un vecchio baciapile


da Democrazia cristiana
che in un’epoca lontana
governava come adesso,
ogni giorno un compromesso:


oggi fatto pro DC
e domani pro PCI.
Genuflessi e comunisti
furon proprio grandi artisti


nel far consociativismo.
Con lo stesso meccanismo
delle odierne marachelle
del Pd e del Pdl.


Per i risultati scarsi
fanno finta di incazzarsi
incolpandosi a vicenda,
ma poi la melassa orrenda


tutto avvolge ed impiastriccia
e ritorna il pappa e ciccia.
L’Imu sulla tua dimora
non si paga? Sol per ora,


poi domani si vedrà.
L’Iva non aumenterà?
Forse sol per qualche mese,
ma poi i buchi del Paese


metteran d’accordo Letta
con Schifani e con Brunetta
e la farsa dei litigi
non consentirà prodigi.


Ogni giorno s’alza il coro:
“Diamo ai giovani un lavoro
o dal crac non ci salviamo!
La riforma riformiamo


di Calamity Fornero!”
Ma non tengono il dinero.
Anche per il Cresci-Italia,
che già Monti tenne a balia


con successi strepitosi,
gli interventi son costosi
ed i maghi della Ue
non ci sganciano i dané.


Con il suo decreto “fare”
Letta finge di trovare
i quattrini in modo scaltro,
ma, in realtà, li toglie a un altro.


Poi, chi vuol partire in quarta
scopre che sol sulla carta
sono i soldi che dà Enrico
ed in cassa non c’è un fico.


Fra un annuncio e una smentita,
fra un’entrata striminzita
ed un nuovo buco enorme,
aspettiamo le riforme


entro sol diciotto mesi:
poi il mangiar ci farà obesi,
il lavoro arriverà
ed il welfare tornerà.


“E alla gente che succede
nel frattempo?”, qualcun chiede.
Irritato, il Colle sbotta:
“Faccia il ghiro o la marmotta!”


blog MicroMega, 18 giugno 2013

Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

1 Pensiero.

  1. Meno male che Letta c’è! o ci fa…?

    Lettamente lettamente
    s’è svegliato dal lettargo
    l’Enricuccio presidente
    e ci prova a farsi largo.

    Non è certo un saltimbanco
    ma ha da far la piroletta
    per scappare via dal branco
    che vuol farsene polpetta.

    Dice, dice e dice ancora,
    butta lì paraboletta:
    per uscir da morta gora
    cita Nemo (che burletta!).

    Qual gentile farfalletta
    si esibisce alla tivvù
    e alla fine fa colletta
    perché soldi ce n’è più.

    Non allatta e manco alletta
    con quel viso da diporto:
    pare un cencio a una molletta
    steso al sole appena sorto.

    Il suo eloquio non diletta,
    assopisce anche lo spread.
    Per le ferie ha una ricetta:
    niente breakfast, solo bed.

    Lieve come donzelletta
    spunta col calar del sole:
    neanche luna, ma lunetta
    smorza l’urlo nelle gole.

    S’è tosato a scodelletta
    per nasconder la pelata
    e completa la toiletta
    con lo spirto di patata.

    Per far sport va in bicicletta
    ma pedala un poco stinco.
    Sguazza dentro una caletta
    con l’aplomb da ornitorinco.

    Il Paese sta in bolletta,
    non si può aumentar le tasse?
    Lascia il compito a Brunetta
    d’invocarle ancor più basse.

    Se cammina non sculetta
    altrimenti alle fanciulle
    come zucchero in zolletta
    tosto il ciclo gli si annulla.

    Le auto blu con la paletta
    ha bloccato in un cantone.
    Tanto lui usa l’Alf-etta
    per guidare la Nazione.

Lascia un commento