Un Paese spaesato

Commenta | Leggi i Commenti

La Cancellieri sulla corruzione.
La norma anticorruzione non è un priorità, ci sono problemi più importanti che attendono da 30 anni.
(la Repubblica, 18 giugno 2013)
Il piano del Cavaliere per fermare i giudici. “Niente crisi, ma chiedo un patto al Pd”.
Vuole la garanzia che il Senato voti contro l’interdizione.

(la Repubblica, 20 giugno 2013)
Il premier: “Il governo tiene, l’ineleggibilità non lo riguarda”.
(la Repubblica, 21 giugno 2013)
L’emendamento fantasma del Cavaliere. Spuntano tetti più alti per l’interdizione.

(ibidem)
I berluscones avvertono il Colle: “Mantieni i patti”.
(il Fatto Quotidiano, 21 giugno 2013)
Il Pd getta la maschera: “B non è più ineleggibile”.

(ibidem)
Ecco perché l’amnistia aiuta Berlusconi.
(ibidem)
L’ineleggibilità può attendere. Per sempre.

(il Fatto Quotidiano, 22 giugno 2013)
Il governo getta la maschera: “Amnistia per B”.
(il Fatto Quotidiano, 24 giugno 2013)

Un Paese spaesato


Che Paese è quello dove
la politica si muove
sempre e inesorabilmente
in aiuto al delinquente?


Nel qual un governo inetto
per proteggere il ducetto,
di reati antologia,
scorda la democrazia?


Nel qual una maggioranza
verso il precipizio avanza
fra i proclami e i bla, bla, bla
di campion di nullità?


Dove un giovane lacchè
nelle vesti di premier
danza come un burattino
nel politico teatrino?


Dove il massimo garante
di una plebe agonizzante
ogni giorno scende in pista
in versione pacifista?


E, accusato di tradire
la promessa fatta al Sire
di evitargli la prigione,
tace, senza indignazione?


Dove il voto non consente
il diritto della gente
ad optar per candidati
scelti e non catapultati,


poiché quella legge immonda,
che anche l’alto Colle affonda,
resta sempre tale e quale:
la porcata elettorale?


Qual Paese di delizia
quello dove alla Giustizia
c’è un ministro col vocione
che sostien la corruzione


non aver la priorità
fra le leggi che farà!
Quello dove un’amnistia
fan passar come la via


d’un sollievo a chi sta in cella,
ma, in realtà, salva il brighella!
Quello in cui l’interdizione
a ogni pubblica mansione


può sparire immantinente
per salvare il delinquente
in ricatti specialista
che si spaccia per statista!


Che Nazion sarà mai quella
dove tutti i dì un brighella
studia qualche emendamento
da inserire a tradimento,


ben nascosto in una legge
che il caimano poi protegge?
Qual Paese boccerà
l’ineleggibilità


del caiman che sempre fu
il padron di tre tivù?
Qual premier con crisi enorme
finge di far le riforme,


dimostrando incompetenza
nel gestire l’emergenza?
Chi nel presidenzialismo
vede il giusto meccanismo


per correggere gli errori
di una gang di malfattori
che con le sue orrende gesta
la Costituzion calpesta?


Chi gli autor di queste imprese?
E’ l’Italia quel Paese.
Monitando ad ogni istante,
Giorgio Re ne fa il garante

che ha un difetto: che si schiera.

Letta affronta la bufera
con il piglio democristo:
“Non fo’ un cazzo, quindi esisto!”


Berlusconi è il delinquente
dal ricatto permanente.
Il ministro è Cancellieri
Gi altri son servi e scudieri.


blog MicroMega, 25 giugno 2013

Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

1 Pensiero.

  1. eh, quanto pessimismo! bisogna avere uno sguardo aperto sul futuro!

    Il governo Letta, come Galbani, vuol dire fiducia

    Nel giorno che l’estate prende inizio
    l’Alf-etta che pilota la nazione
    ha avuto la sua prima polluzione
    (il pelo può cambiar, ma non il vizio.)

    Il baldo Letta ha chiesto al sodalizio,
    che veste i panni della coalizione,
    di dargli con geniale innovazione
    fiducia per ficcarlo all’orifizio

    di Grillo che per eccitare i suoi
    faceva ostruzionismo da sofista,
    fermando l’avanzata poderosa

    di chi non mette il carro avanti ai buoi.
    E con la grande armata democrista
    l’Italia guarda avanti. Fiduciosa.

Lascia un commento