Vacanze caimane

Commenta | Leggi i Commenti

Diciott’anni dopo. No passaporto, no Bermuda.
(il Fatto Quotidiano, 10 agosto 2013)
Da zia Eva in pelliccia al cugino Angelo: Pascale Family, l’incubo estivo di B.
(ibidem)
“Mortorotondo” deserta prega per la Resurrezione.

(il Fatto Quotidiano, 11 agosto 2013)

Vacanze caimane

Preso dalla nostalgia,
sognò Sua Furfanteria

le vacanze alle Bermuda,
con la banda seminuda

dei campion di fedeltà
di ben diciott’anni fa:

Letta con Confalonieri,
il Dell’Utri dei misteri

e Galliani. Tutti bianchi,
braghe corte, bolsi, stanchi,

col caiman da battistrada.
La ridicola masnada

stava come in monastero,
con risveglio mattiniero,

esercizi spirituali
e letture eccezionali:

Manual dell’imbroglione,
Aristotele e Platone.

Ma quel sogno è andato storto,
poiché senza passaporto

l’espatriare è ahimè proibito
all’ignobile bandito.

Ci sarebbe la Certosa,
ma il doman per niente rosa

non invita alla vacanza:
nel teatrin nessuna danza,

il fantastico Apicella
la chitarra non strimpella,

niente canti, niente suoni,
niente pizze, niente coni.

Topolanek non lo mostra,
nessun servitor si prostra,

non si vede un’olgettina,
la bandana è in naftalina,

il vulcano non erutta.
E’ un’estate proprio brutta,

senza gioia, senza svago.
La vacanza si fa al lago,

dove Silvio Belzebù
deve sopportar Dudù,

il cagnetto di Francesca,
Eva, la zia gigantesca

con il corpo da modella,
e Katiuscia, la sorella

della sua bella morosa.
Berlusconi si riposa

come se vivesse in trance:
senza Priapi né lap dance

né burlesque né suore abiette
con la croce fra le tette.

Senza Mora, senza Fede
né una zoccola che chiede

una busta di Spinelli.
Son finiti i tempi belli.

“Silvio, chi te lo fa fare?
Con Re Giorgio, il tuo compare,

tratta il tuo salvacondotto:
esule, non galeotto,

sulle spiagge delle Antille.
Su, non fare l’imbecille!

Parti, ma nell’aeroplano
mettici Napolitano

con Daniela Santanché
e Marina. Sai com’è…!”

12 agosto 2013


Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

1 Pensiero.

  1. L’ho scritto, di getto e m’è sembrato manco troppo brutto ! Ma mi sa che -a causa della mia insipienza – sia finito nello spazio dedicato ai commenti per “L’altolà di nonno Giorgio” oppure altrove. Me ne scuso! Mi sembrerebbe sciocco ricopiarlo.

Lascia un commento