Il pifferaio tragico

Il pifferaio tragico

Nel sedici, il quattordici febbraio
così sbraitò il verde parolaio
dal palco del congresso di Collegno
arringando i suoi fan in modo indegno:

“La schifezza che ha nom magistratura
è un cancro da estirpare, una iattura
e ne difenderò ogni leghista
che sia indagato quando scende in pista.

Gli stronzi che amministran la Giustizia
stian ben lontani dalla mia milizia
che in qualunque vicenda della Lega
dà battaglia a favor della congrega”.

Per vilipendio alla magistratura
il tribunal di lui si prende cura
ma da un lustro procede molto lento
grazie al legittimo impedimento

che ad ogni udienza invoca il suo legale
per frenar di Torino il tribunale.
Non sol, oltra alla squallida manfrina
osa indossar Matteo la mascherina

di Borsellino il prode magistrato
vittima della mafia e dello Stato.
La mascherina che sostituisce
quella di Donald Trump a stelle e strisce

che indossa spesso il truce sovranista
delle più turpi azion sempre regista.
Sotto due maschere lo stesso ghigno,
sempre più bieco, sempre più maligno.

È il ghigno che il malvagio ha palesato
dicendo nel dibattito al Senato
alla Segre, la senatrice a vita,
la frase atroce dalla bocca uscita

di Beppe Grillo, re dei trasgressori:
“Non muoion mai a vita i senatori
o almeno muoiono ma troppo tardi”,
quando diventano più che vegliardi.

Se questo è un uomo è chiara la morale:
dell’uomo è molto meglio l’animale,
lo squalo, il porco, il lurido sciacallo,
la iena ed il verme verde e giallo.

23 gennaio 2021

Capitan Disfatta

Toscana. Firenze il fortino dem. Per la Lega tracollo di voti.
(la Repubblica, 22 settembre 2020)
Salvini perde ancora e Meloni gli ruba i voti. Cresce il dissenso interno.
(ibidem)
Veneto. Zaia vale tre volte la Lega. “Perché vinco? Io governo, non vado in giro a fare comizi”.
(ibidem)
Il leader disgiunto.
(ibidem)
Dopo la sconfitta Salvini rilancia. “Ci rifaremo a Milano e Roma”.
(la Repubblica, 23 settembre 2020)

Capitan Disfatta

Ha girato l’Italia in largo e in lungo,
dappertutto è spuntato come un fungo,
palmo a palmo ha battuto la Toscana,
ha fatto della Puglia la sua tana,

di concionare preso dalla smania
si è fiondato in Liguria ed in Campania.
Quella dell’uom che vien da una caverna
è una campagna elettorale eterna.

Disse a mo’ di gallina che starnazza:
“Da premier tornerò su questa piazza!”
e “Al voto vinceremo sette a zero!”,
ma gli elettor gli han fatto un culo nero.

In Puglia ed in Campania al vil leghista
latore del messaggio populista
han detto: “E’ van che tu qui intorno giostri,
abbiamo già i populisti nostri!”

La Toscana, leghista alla vigilia,
ha poi fatto la fine dell’Emilia,
niente Lega nei rossi baluardi
e l’Arno ha mormorato alla Ceccardi

come il Piave: “Non passa lo straniero!”
Se nel Veneto fu trionfo vero
Il vincitor non è Salvini, è Zaia
che il prode Capitano alquanto inguaia

coi voti per la lista degli inizi.
“Qui si lavora senza far comizi!”
Anche il voto in Liguria è una vittoria
ma è per Toti, non per Matteo la gloria.

Il connotato del cazzaro verde
è l’essere vincente quando perde,
l’eroe che quando vince se le prende,
il tipo che si appanna quando splende.

In quest’ultimo turno in meridione
i voti persi son quasi un milione
e la Lega in versione nazionale
è vittima di un crollo colossale.

In sordina la base disapprova,
vuol “Più Giorgetti e meno Casanova!”,
vuole chiudere l’ora del Papeete,
più birra e men mojito per la sete.

Come sempre Salvini tira dritto:
“Sono deluso ma non son sconfitto.
Con le grandi città ci rifaremo:
a Roma ed a Milano vinceremo,

a Napoli, a Torino ed a Bologna!”
I sindaci verran con la cicogna.
Da Capitan Fracassa in un sol fiato
è Capitan Disfatta diventato.

blog MicroMega, 24 settembre 2020

 

Il bufalaro verde

Il podio. Il dramma di Matteo, solo terzo in classifica: non funziona più nemmeno come bufalaro.
(il Fatto Quotidiano, 7 maggio 2020)

Il bufalaro verde

Di balle in veste di propalatore
ne ha dette d’ogni tipo e ogni colore,
ciononostante per la Bbc
erano balle sol così così

e tali da negargli il primo posto
se a veri fuoriclasse contrapposto,
campioni come Trump e Bolsonaro
a confronto dei qual sembra un somaro.

Di bufale sul covid diciannove
se ne sono sentite in ogni dove
e il Capitano ha fatto la sua parte
poiché per lui le bufale son arte.

Bolsonaro che parla di influenzetta?
Di Donald Trump la terapia perfetta
di endovenose con la candeggina?
Lui controbatte con la sua manfrina

sull’apri-chiudi, degna d’un museo
che ha nella collezione un bel cammeo.
Ventun febbraio: “Chiudere il Paese!”
Sei giorni dopo esclama il bell’arnese:

“Bisogna aprire tutto e con gran fretta!”
Dieci di marzo, il Capitan cinguetta
con l’attenzion di un’amorosa balia:
“All’istante dobbiam fermar l’Italia!”

“Chiudiam l’Europa!” tuona il giorno appresso.
Il quattro april: “Apriamo le chiese, adesso!”
Ed il quattordici: “Riapriamo tutto!”
Due giorni dopo, ancora in pieno lutto:

“E’ tempo di riaprir la Lombardia!
di Fontana e Gallera in compagnia.
Il nostro leader alla robiolina
poi disse che un laboratorio in Cina

ha fabbricato il virus maledetto.
Non ancora contento ha pure detto
che la cura del virus con il plasma
funziona, ma il poter non entusiasma

visto che a quanto par non costa nulla
e senza business l’utile maciulla
delle potenti multinazionali
che vogliono guadagni colossali.

Ma non finisce qui poiché Salvini
appoggia i grandi amici meneghini,
Giulio Gallera, al welfare l’assessore
e Fontana, padan governatore,

nell’azione legal contro i cinesi
colpevoli, per la lombarda tesi,
di aver causato questa pandemia
ed ammazzato mezza Lombardia.

Venti miliardi chiedono alla Cina.
E il baciatore della Madonnina,
di rosari, salami e crocifissi
sembra andare ogni dì verso l’eclissi.

Lo ha rilevato pur la Bbc
che al terzo posto in bufale spedì
il bufalaro verde diventato
un Renzi con più ciccia e meno fiato.

Senza citofoni, senza barconi,
fa il capo di una banda di pirloni
che riempie camposanti in Lombardia
con Pater, Ave, Gloria e così sia.

blog MicroMega, 14 maggio 2020

Top