Baffo e Matteo, dall’euro al neuro

Massimo e Matteo, i carissimi nemici alla guerra dei nervi tra battute e veleni.
(la Repubblica, 19 novembre 2013)
“Matteo è un ignorante”.
(il Fatto Quotidiano, 19 novembre 2013)
L’anatema di Max contro il rottamatore: “Daremo battaglia”.
(il Fatto Quotidiano, 6 dicembre 2013)
Renzi e D’Alema, gli amici ritrovati. “Ora le riforme o nella Ue sarà tsunami”.
Il segretario lancia l’ex premier come commissario europeo.
(la Repubblica, 19 marzo 2014)
Il premier spinge D’Alema verso la Ue.
(il Fatto Quotidiano, 19 marzo 2914)

Baffo e Matteo, dall’euro al neuro

Fra il rottamato ed il rottamatore
che in passato si sono massacrati
pare scoppiato un infuocato amore
come avvien fra due freschi fidanzati.

Sono trascorsi solo pochi mesi
da quando se ne sono dette tante
Renzi e D’Alema, senza sottintesi,
nella gara a chi fosse più sprezzante.

“Se vince, Renzi sfascerà il partito,
di iscritti ci sarà un’emorragia”.
“Sarà nel social-net molto agguerrito,
ma è un estraneo al Pd, parola mia!”

“Con dieci dita scrive alla tastiera,
ma più che un dattilografo ci vuole,
per dar l’avvio ad una nuova era,
un segretario, è chiaro come il sole!”

“Spiritoso sarà e pur brillante,
ma è un blairista con echi liberali,
superficial, bugiardo ed ignorante,
privo di idee nuove e originali”.

“Vuole soltanto giovani vicino,
ma poi arruola vecchi in quantità,
come Walter, De Luca e Bassolino
e smentisce la storia del’età”.

“Grazie alle antiche tradizion di lotta
certo a Matteo non lasceremo il campo,
altri meglio di lui mettemmo in rotta
e manco al fanfaron daremo scampo!”

Renzi rispose come ad un nonnetto
bizzoso nonché un po’ rincoglionito
con silenzi, occhi al cielo, sorrisetto
e con il suo progetto preferito:

“”Baffo è da rottamar senza incentivi!”
“Basta con questi leader del Pd
desolanti ed assai poco attrattivi!”
“Infin di pensionarlo mi riuscì”.

Adesso par che il guitto fiorentino,
appena giunto al sommo del potere,
e la volpe del Tavolier Baffino
sian diventati come cacio e pere.

Non solo euro è il libro che D’Alema
vuol promuovere al Tempio di Adriano
e, scordato ogni insulto ed anatema,
se lo fa presentare dal toscano

al qual dona di Totti la maglietta.
“Non c’è dibattito, siamo d’accordo –
all’unisono esclama la coppietta –
di ciò che fu non resta che il ricordo.

Non è l’archeologia che ci interessa,
ma la politica ed il futuro!”
I due si son scambiati la promessa
di un inciucio fraterno e duraturo.

D’Alema aiuta Renzi nel Pd
e nella Ue, evitandogli un calvario
e Renzi dell’Europa farà sì
che Massimo diventi commissario.

E poi, chissà… Il Re partenopeo
lascerà quanto prima la poltrona
e per Baffo potrà Renzi Matteo
spendere qualche parolina buona.

In questo caso la morale è doppia
e chi la segna non avrà rimpianti:
“Il Signore li fa e poi li accoppia”.
“Più che politici, politicanti!”

blog MicroMega, 24 marzo 2014

Terra di santi e covo di briganti

Caos Pd: si affida a Epifani.
(il Fatto Quotidiano, 11 maggio 2013)
Giustizia, fischi a Berlusconi.
(la Repubblica, 12 maggio 2013)
Applausi e fischi, fan e indignati. La doppia piazza del Cavaliere. Alta tensione, in migliaia contestano il comizio di Silvio.
(ibidem)
Movimento 5 Stelle: “Espulsioni, insulti, minacce. Il suo stile di leader non funziona”.
(ibidem)
Le due piazze di Berlusconi. Fischi e applausi sotto il palco. Le urla: “Mafioso, in galera!”
(il Fatto Quotidiano, 12 maggio 2013)
Pd, funerale frettoloso di un partito imploso.
(il Fatto Quotidiano, 12 maggio 2013)

Terra di santi e covo di briganti

Il momento è triste assai
ed a causa dei suoi guai
ciascun sale al suo Calvario.
Il Pd sceglie il sudario

per il prossimo commiato:
oramai polverizzato
in combriccole, correnti,
cricche, clan, faide, frammenti,

si è affidato ad Epifani
per sostituir Bersani
che cacciò Walter Veltroni
che mandò fuor dai coglioni Continua a leggere

Largo ai giovani

Renzi boccia Marini e Finocchiaro. “Non vadano al Quirinale”.
(la Repubblica, 15 aprile 2013)
“Non basta essere cattolici per il Colle, serve un garante per tutti gli italiani”.
(ibidem)
Pd, scambi di insulti e rischio di scissione.
Finocchiaro e Marini contro Renzi: “Gravi e miserabili attacchi a noi”.
(la Repubblica, 16 aprile 2013)
Bersani va al contrattacco del sindaco: “Vuol ridurre il partito in macerie”.
(ibidem)
Pd, guerra contro Renzi e lui parla un’ora con B.
(il Fatto Quotidiano, 16 aprile 2013)
“Miserabile villano”, Renzi spacca tutto e viene insultato.
(ibidem)

Largo ai giovani

Col suo giovanil furore
partì da rottamatore,
proponendo di far fuori
non chi ha fatto troppi errori,

ma chi è avanti con l’età:
“Tutti i vecchi via di qua,
sistemati in un museo!”
tuonò il giovane Matteo,

suscitando gli alti lai
sia di chi fece dei guai
sia di chi, pur su con gli anni,
non ha fatto gravi danni. Continua a leggere

Top