Lecca tu che lecco anch’io

Commenta | Leggi i Commenti

Renzi: “Hanno eletto il vice disastro”. Parla l’emergente: il nuovo leader? Un’occasione persa.
(la Stampa, 23 febbraio 2009)
Nel 2009 era la “Barack Obama” del Pd. Oggi il governatore del Friuli ha alcuni seri grattacapi.
Non soltanto giudiziari.
(Panorama, 28 agosto 2014)
Metamorfosi. La neorottamatrice Finocchiaro. Dall’Ikea a zia costituente, ecco “Annuzza”, la renziana.
(il Fatto Quotidiano, 20 settembre 2015)
Si scrive Orfini, si legge pallina da flipper.
(il Fatto Quotidiano, 8 marzo 2016)

Lecca tu che lecco anch’io

Dal dì in cui salì al potere
quell’ignobile messere
che il Paese sfascerà,
ploton di quaraquaquà

sul suo carro son saliti
in un lampo convertiti,
grazie alla matteomania,
alla sua filosofia.

Insensibili al passato,
traditor di chi han leccato
per lucrar qualche favore,
l’indole del servitore

li portò al nuovo padrone
con la lingua già in funzione.
Franceschini fu il più lesto:
veltroniano manifesto,

fu di Walter un pilastro,
tanto che vice disastro
di un Veltroni disastroso
lo chiamò il toscan moccioso.

Matteo in cambio dell’abiura
gli ha donato la Cultura,
ma ora Dario Franceschini,
visto Renzi nei casini,

corre per il suo domani,
scherzi fra democristiani.
Poi ci fu la Finocchiaro,
per i comunisti un faro,

una guida, un’epopea,
ma il carrello dell’Ikea
manovrato dalla scorta
fu una mossa malaccorta,

un errore madornale.
“Anna cara, il Quirinale
te lo scordi, marameo!”,
fu brutal quel dì Matteo

Anna con grande pazienza
occultò l’incompetenza
di una giovane avvocata
dal ducetto destinata

a cambiar Costituzione.
Con la Boschi, quel briccone
di Verdini ed il sodale
Giorgio in vetta al Quirinale,

diventò renzianamente
una zia costituente,
conquistandosi il premier
da leccar come un bignè.

Terza vien la Serracchiani,
fiera stirpe di friulani.
Fu fantastico il suo inizio
nel parlare ad un comizio

fra i seguaci del Pd.
Quando Debora esordì
Franceschini entusiasmò
e alla Ue lui la piazzò,

trasformando quella donna
in Obama con la gonna.
Dopo Franceschini Dario
di ogni nuovo segretario

la frangetta sbarazzina
diventò fedel lecchina:
il secondo fu Bersani,
terzo poi venne Epifani

fino a giungere a Matteo
che la porta all’apogeo
come vice segretaria,
con scalata straordinaria.

Ma che dir di Matteo Orfini,
il più fido dei lecchini
del ducetto di Rignano?
Partì fiero dalemiano,

giovin turco battagliò
in favor di Walterloo,
per poi diventare in fretta
il lacchè di quel fighetta

di Matteo che fa il prodigio
di arruolarlo al suo servigio.
Diventato Presidente,
lecca Orfini bravamente

il toscano timoniere,
con la lingua a formichiere.
Ma non è il capo protervo
che vuol arruolare un servo,

è chi è nato servitore
che va in cerca di un signore.
Come Debora ed Orfini,
Finocchiaro e Franceschini.

blog MicroMega, 13 ottobre 2016

Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: