Rendering

Commenta | Leggi i Commenti

Piovono pietre. Il progetto meglio del risultato: la vita è tutto un rendering.
(il Fatto Quotidiano, 25 giugno 2015)

Rendering

Sappiam che il rendering mostra il domani
senza brutture e sol con la bellezza,
ma hanno capito ormai gli esseri umani
che dopo il rendering vien la schifezza.

“Il rendering sembrava molto meglio”
è la frase più spesso ripetuta
dai tanti sognatori che al risveglio
scopron che la cambial torna insoluta.

Laddove sta per nascere un quartiere
il rendering ti mostra bimbi lieti,
verde a gogò con le panchine a schiere
ed in fondo i villini fra i roseti.

Ad opera finita vedi, ahimè,
tanto cemento e molto verde in meno,
un bimbo, un can, panchine non ce n’è
e le ville son case, un mondo osceno.

Il rendering di Expo era natura,
acqua a gogò, barchette e naviganti,
orti a perdita d’occhio, agricoltura.
Ora si vedon solo masse urlanti,

strade asfaltate e grandi padiglioni
in una Gardaland ancor più cara,
gli orti son ristoranti da ricconi
e l’acqua è diventata cosa rara.

Del rendering maestro è il ciarlatano
che prende per il culo i cittadini.
Falso in bilancio? Sembra un Giustiniano,
ma poi, quando al giudizio ti avvicini

pensando che il problema sia risolto
e sia tornato il tempo degli onesti,
scopri che il delinquente viene assolto:
la legge ha un buco tale che un Ligresti

ci passerebbe come fosse niente.
Rendering del Jobs Act? Vedi i precari
trasformarsi, da massa sofferente
che vive di lavori saltuari,

senza mutua, vacanze né futuro,
in esercito di lavoratori
dallo stipendio oramai sicuro.
Ma con la legge cosa viene fuori?

Che i precari son sempre tutti lì
e per di più spiati dal padrone
perché non facciano troppa pipì,
senza calo di disoccupazione.

Il rendering di Renzi qual è stato?
Magnifici skyline, lieti domani,
ogni politicante rottamato,
riforme, più diritti a gli italiani,

buona scuola, giustizia, fisco onesto
e la salvezza dell’economia.
Il tutto realizzato molto presto,
più veloce del babbo del messia.

Poi, alla fin della simulazione
ti ritrovi il fenomeno De Luca
che, appena eletto, lascia la Regione
poiché la smargiassata è andata buca.

Che ha un preside padron la buona scuola,
con soldi alle private ed aule a pezzi.
Che avere un fisco onesto resta fola
e l’evasion fiscale non la spezzi.

Che una giustizia giusta ancor non c’è,
ma van sotto processo i magistrati
e va l’economia sì bene che
i nostri debiti sono aumentati.

Il rendering mostrava un bel soggetto
che risolve i problemi a vista d’occhio.
Poi la realtà ci regalò un bulletto
che racconta più balle di Pinocchio.

Nota. Questi versi sono stati ispirati dall’articolo di Alessandro Robecchi, che
qui si ringrazia, “Il progetto meglio del risultato, la vita è tutta un rendering”,
uscito su il Fatto Quotidiano del 25 giugno 2015.

blog MicroMega, 30 giugno 2015

Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: