L’amara cura di Nonno Sciagura

Commenta | Leggi i Commenti

Il Presidente fuori ruolo.
(il Fatto Quotidiano, 15 luglio 2014)
Stato-mafia, la Procura insiste: “Sia ascoltato Napolitano”
(la Repubblica, 18 luglio 2014)
Il raglio del ventaglio.
(il Fatto Quotidiano, 23 luglio 2014)
Editto del Colle. Vietato parlare di autoritarismo.
(ibidem)
Napolitano fuori controllo. Commissaria Senato e Csm.
(il Fatto Quotidiano, 24 luglio 2014)
Ossessione trattativa. Il Colle blocca il Csm sulle nomine in Sicilia.
(ibidem)
Il patto del Nazareno è anche di Re Giorgio.
(il Fatto Quotidiano, 25 luglio 2014)
Il caimano a cena con Francesca si gode la Giustizia nel patto.
L’ex Cavaliere: l’accordo del Nazareno è fatto per questo e per l’Italicum.
(ibidem)

L’amara cura di Nonno Sciagura

Ma fino a quando il boss del Quirinale
della pazienza nostra abuserà?
Ma fino a quando riterrà normale
intervenire con autorità

su ciò che sta facendo il Parlamento?
Nel dì della consegna del ventaglio
col suo presidenziale accanimento
ha ordinato di mettere il guinzaglio

a chi difende la Costituzione
sulla quale giurò più d’un volta.
Affermar che la Boschi e il fanfarone
non ci stanno portando ad una svolta

che dire autoritaria è dire niente,
è una menzogna ignobile ed infame.
I codici cambiar col delinquente,
il qual della Giustizia ha fatto strame

mandando la Nazione alla deriva,
come vorrebbe il timonier del Colle
con Berlusconi sempre in trattativa,
sembra un progetto quanto meno folle.

Parlan del patto arcan del Nazareno
sottoscritto da Renzi e dal caimano,
ma pare esista un patto ben più osceno
fra Silvio, il guitto e Re Napolitano:

il Patto di Rinascita di Gelli,
con dittatura della maggioranza,
un ducetto al comando a far macelli
e la democrazia che va in vacanza.

Chi si stupisce è corto di memoria.
Non ricorda che l’uomo al Quirinale
di Bettino falsificò la storia,
chiamandolo statista eccezionale

trattato con severità e durezza.
Si scorda che parlando di Almirante
in un convegno ha detto con saggezza
che il personaggio fu molto zelante

nel gran rispetto per le Istituzioni.
Non tenne conto, nel parlar di lui,
che fu un fascista, e di quelli buoni,
superattivo in tempi molto bui

con Mussolini e leggi sulla razza.
Non si ricorda che Napolitano
da lungo tempo con Silvio intrallazza
dalle prigion tenendolo lontano.

Non si ricorda della trattativa
fra Stato e mafia né di quel Mancino
il qual sovente al cellulare ardiva
richiedere di Giorgio un aiutino

per l’accusa di falso testimone.
Aiuto che è arrivato puntuale
tirando alla Giustizia un bel bidone.
Non solo, intercettato col sodale

volle distrutti i nastri Giorgio Re
con altra infame offesa alla Giustizia.
Chi si stupisce non ricorda che
della condanna di Silvio alla notizia

il tribunal fu invaso dai suoi fan
e, come niente fosse, il Presidente
al Colle detta udienza l’indoman
a una delegazion del delinquente.

Chi si stupisce si è dimenticato
che al fine di evitare le elezioni
Napolitano il popolo ha fregato
scegliendo i professor della Bocconi

che non hanno risolto alcun problema,
come poi Letta e il guitto fiorentino.
E’ tempo di lanciare un anatema:
“Dal Quirinal cacciamo l’inquilino

se vogliamo por fine ai nostri guai!
Pur se il peggior di tutti sarà eletto,
peggiore non sarà, mai e poi mai,
dell’antidemocratico nonnetto”.

blog MicroMega, 25 luglio 2014

Torna al Titolo | Commenta | Torna al Menu'

Lascia un commento

Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: